Da Giaccherini a Iturbe: La nuova ala della Fiorentina…la porta Badelj

Il centrocampista Giaccherini. Foto: Footstats/Fiorentinanews.com

Una nuova ala per rafforzare il concetto di 4-2-3-1 sul quale si sta lanciando Paulo Sousa. Ma, in assenza di tesoretti e di soldi messi a disposizione da parte della società, ecco che Pantaleo Corvino dovrà ingegnarsi ancora una volta. Come? Secondo il Corriere Fiorentino ricorrendo ad una cessione eccellente nel corso del prossimo mercato. E il nome del ‘sacrificato’ dovrebbe proprio essere quello di Milan Badelj, il centrocampista croato che ha il contratto in scadenza nel giugno 2018 e che ha pure il procuratore più inviso in questo momento alla società viola.

Coi soldi incassati la Fiorentina dovrebbe poi indirizzarsi su Giaccherini o Iturbe. Il primo è stato preso dal Napoli, ma non gioca mai, il secondo invece è di proprietà della Roma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

17 commenti

  1. Tranquilli non c é nemmeno da porsi il dubbi i soldi vanno diretti in tasca a don diego

  2. Io invece dei due nominati prenderei Farago’ che è italiano, giovane e segna anche.

  3. Per carità divina!!! Sono tutti e due da tenere alla larga vuoi per l’età che per le richieste economiche da parte di due che non giocano neanche nelle squadre di apparteneneza. Ci vuole un giovane e possibilmente italiano. Avete visto il SASSUOLO che ha preso FALCINELLI e TROTTA che giocavano in serie B col Perugia e l’Avellino??? Si fa così. Bisogna andare su questi titpi di giocatori che non saranno pronti da subito ma su cui si può fare una certa programmazione.

  4. Io non vorrei nessuno dei due è al posto dello slavo uno che abbia voglia di giocare x la Maglia Viola e non per le striscie

  5. Giaccherini non è venuto questa estate perchè voleva uno stipendio più robusto, è disposto a ridurselo? Iturbe sta bene dove è.

  6. Ordine e muscoli…in campo ci vuole ordine e muscoli.
    Noi invece siamo disorganizzati-confusionari e leggeri come delle checchine alla prima trombatina della vita.
    Si vince con la prepotenza e determinazione. Sousa vuol far capire questo alla sua squadra, ma non ha i giocatori giusti per la sua filosofia di calcio. E’ un peccato sentiremo parlare molto bene negli anni di questo allenatore c noi scrafiamo per difendere quei taccagni dei dv.

  7. Abbiamo Chiesa e Toledo,io investirei su un centrocampista italiano ed un buon portiere…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*