Questo sito contribuisce alla audience di

Da Kalinic a Ilicic, i “tesoretti” di Corvino

La Fiorentina si appresta a vivere un calciomercato che porterà profondi cambiamenti nella rosa attuale dei viola. Via almeno Kalinic, Ilicic, Badelj, Tatarusanu, con Corvino che punta ad incassare in totale anche più di 50 milioni di euro con i quali poi ricostruire la Fiorentina. Detto che già i viola hanno speso circa 20 milioni di euro tra Vitor Hugo, Milenkovic e i riscatti obbligatori come Cristoforo, Olivera e Sanchez. Corvino si prepara ad una delle estati più intense e complicate della sua carriera visto che deve ricostruire una Fiorentina reduce da un’annata deludente e la conseguente fine di un ciclo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Ma quale ciclo?Ma se non è mai cominciato.io conosco solo 2 ciclo.Quello vero di Befani e il mini ciclo di Baglini che ha dovuto abbandonare non per colpa sua.il resto sono cicli fasulli mai partiti

  2. Ancora state osannando Corvino, l’uomo più negativo insieme a Cognigni della Fiorentina, lo scorso anno ha deturpato più di 20 milioni di euro, molti tifosi accusano la proprietà che non spendono la colpa della proprietà che non cacciano i dirigenti incapaci, l’uomo da molti osannato e ritenuto il salvatore della Fiorentina invece è la rovina .

  3. Se veramente si rivuole ricostruire la Fiorentina si deve mandare via il mago del Salento che ha già buttato al cesso 20 ml e altri 8 ml per Vitor Hugo , questo ne butterà altri e invece far fare il mercato al duo Antognoni-Sartori.

  4. Finche resta Corvino questo sarà il mercato della Fiorentina. Bidoni su Bidoni

  5. Certo che il riscatto obbligatorio di Olivera è stato veramente un affare …
    Meno male che abbiamo Corvino, l’affare mi sa che l’ha fatto lui …

  6. sulla scia dell’anno scorso hanno belle speso un monte di soldi per dei bidoni……………………..

  7. lo chiamavano plusvalenza

    Può anche essere che riescano ad incassare tanto ma sicuramente reinvestirebbero giusto 5/6 milioni di euro e gli altri andrebbero nel famoso buco di bilancio che ormai però è diventato una montagna di guadagni

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*