Questo sito contribuisce alla audience di

Da nuovo Antognoni a nuovo Baggio… a nuovo Berti

Bernardeschi chiama palla. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

C’era chi sognava di aver scoperto il nuovo Antognoni, per posizione in campo, talento e arrivo in gioventù a Firenze; poi ci fu anche la scelta della maglia numero dieci e le dichiarazioni (inopportune) di grande fedeltà alla Fiorentina. Una fedeltà sicuramente più di comodo che di sincerità, come fu invece quella dell’Unico Dieci, e puntualmente smentita al momento del dunque. Al netto però di tali considerazioni, fin troppo superflue nel calcio odierno, c’è un paragone che da Antognoni è virato sempre più verso Roberto Baggio, per la cabala (il numero di maglia) e soprattutto per il mercato e il passaggio alla Juve, che anche a suo tempo creò non poche tensioni. Se però allora i tifosi viola se la presero più con i Pontello che con il Divin Codino, sempre rimasto nei cuori viola, la piega che sta prendendo la vicenda Bernardeschi lo avvicina forse più a Nicola Berti, tanto per rimanere a quell’epoca. Lui decise per l’addio in direzione Inter e l’accoglienza al primo ritorno fu tremenda; un’acredine paragonabile a quella che si sta creando nei confronti del carrarino. E in tal senso sarà curioso vedere cosa accadrà al prossimo Fiorentina-Juventus.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

19 commenti

  1. Caro Deo, come non darti ragione! Forza Viola, arriveranno tempi migliori!

  2. della valle . ti auguro con tutto il cuore che….

  3. perche’ continuate a parlare di qusto ***** fatela finita .e la redazione non dovrebbe piu publlicare certe dichiarazioni . questa e ‘ una societa gestita da accattoni . prendiamocela con i leccavalle gente tirchia e malandata . con un cuore di *****. loro sono i colpevoli di tutto . ora basta siamo stufi .

  4. x Underdog:ho letto quanto hai scritto ed e’ molto triste quanto dici , ma vorrei aggiungere che ci sono realta’ nel mondo del calcio che magari non vinceranno molto,ma che ci provano e talora ci riescono.Ma a parte vincere,credo che tra un tifoso del Napoli e uno della Fiore ci sia una gran differenza di stato d animo e di soddisfazione tra i due…l avvilimento mio e’ di vedere una metodica distruzione associata a una proprieta’ che dice di non divertirsi o che fa passi indietro…non vuole migliorare,ma solo andarsene con quello che ne consegue…speriamo che tutto questo passi in fretta e in alto i cuori!

  5. Tornerò allo stadio per fischiarlo il ciuffino…con la sciolta!

  6. Io capisco la rabbia, la provo anch’io, ma bisogna per forza uscire da quello che è un concetto sbagliato in partenza. Quello che voglio dire è che se anche per noi tifosi la Fiorentina è la squadra più bella del mondo, non siamo pagati per farlo, anzi, paghiamo pure di tasca nostra per vedere le partite della Viola. Per chiunque non sia tifoso, la Fiorentina è una squadra mediocre, senza ambizioni, in evidente stato di smobilitazione. Le possibilità di trattenere giocatori di talento sono pari a zero, a meno che non siano italiani, a fine carriera e magari con situazioni familiari particolari. Altrimenti andranno sempre a giocare in squadre più ricche e prestigiose della nostra.
    Per loro è un lavoro, e anche fuori dal calcio chi è bravo e ambizioso fa scelte che sono legate alla carriera e non al cuore. Punto, tutto il resto non conta niente, e se credete ancora alle maglie baciate e alle dichiarazioni dopo una vittoria, beh, sono problemi vostri.

  7. Una altra grossa differenza.Baggio oltre ad essere stato costretto ad andare via dai Pontello.a Firenze è stato 5 anni giocando da fuoriclasse e da protagonista.invece Bernardeschi in prima squadra quanto tempo è stato?quando mai è stato risolutivo?l abbiamo cresciuto e piaciuto e appena ha avuto un Po di visibilità arrivederci senza neanche grazie

  8. Facile che al Franchi sieda in panca. Berti aveva almeno un carattere forte, questo solo il ciuffettino.

  9. Siamo stati traditi dal giocatore e dalla società non tanto per la cessione ma per la destinazione,ma la cosa più brutta e che di questa cosa non si sdegna quasi nessuno e questo a Firenze non può essere normale.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*