Questo sito contribuisce alla audience di

Da una rivoluzione all’altra: ora Corvino è anche in ritardo su Pradè-Macia

Le due estati accomunate per antonomasia sono quelle del 2012 e del 2017: le due estati della rivoluzione all’interno della rosa della Fiorentina, con protagonisti prima la coppia composta da Pradè e Macia e ora la figura unica di Corvino. Cinque anni fa, come ora, la Firenze calcistica era in depressione dopo due anni e mezzo di travaglio e un’Europa ormai dimenticata. Se ne andarono a inizio estate sia Behrami che Gamberini ed entro fine luglio erano arrivati i vari Roncaglia, El Hamdaoui, Viviano, Mati Fernandez e Cuadrado: la Fiorentina cominciava quindi a fare sul serio e sul serio fece proprio nei primi giorni di agosto, quando mise sotto contratto Borja Valero, Gonzalo, Aquilani e Pizarro: il cileno arrivò il 9 agosto, a chiudere una 10 giorni di mercato pazzesca per la Fiorentina. Sembra tutto diverso oggi, con una quiete che ci auguriamo solo apparente ma che non sembra far presagire a niente di paragonabile con quanto accadde nel 2012. Anche allora il mercato era iniziato con calma, per poi accelerare; oggi la calma prosegue e sta sfociando ampiamente in un maxi ritardo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20 commenti

  1. Qui si paragona la lana con la seta, la presunzione e la rozzezza con la capacità di sintesi e la classe.

  2. Citazione dei leccacavalli: ” basta mettere in vendita la società e ci sarà la fila per acquistarla”. La Viola è in vendita ma non mi risulta della fila di pretendenti, sarà perche ci sono troppi rompi p…e? Forza Viola!

  3. Corvino ha avuto un anno di tempo Per fare una squadra decente. ( CORVINO LEI È IMBARAZZANTE UNA COSA MAI VISTA NEL CALCIO MODERNO ) VATTENE NELLA TUA SALENTO

  4. Quello che manca a Firenze è la PROGRAMMAZIONE!
    Si ha l’impressione che si navighi a vista.
    Ovvio che alla fine i pezzi che vorresti se ne vanno altrove.
    Siamo diventati poco appetibili per tutti nonostante Corvino abbia incassato una valanga di soldi!

  5. Il problema più grosso è il danno di immagine. Ora è convinto che basterà sventolare le due banconote che gli daranno i DV gli ultimi gg di Agosto per convincere i giocatori a sposare il progetto. Dubito che avrà successo, la storia insegna che le rose competitive il Corvo le ha allestite tutte entro luglio e che ad Agosto fa danni. FV

  6. Corvino è il passato. Il suo modo di fare non è più produttivo e la Fiorentina in vendita non può che togliergli forza e credibilità. Pagherà la.sua lealtà ai Della Valle andando alla deriva e prendendosi anche colpe non sue, ma anche questo è Corvino.

  7. io credo che il vocabolario fa una netta distinzione tra la parola rivoluzione e la parola liquidazione che con Pradé, Macia e Montella venne attuata una vera rivoluzione ma l’unica cosa rimasta uguale e che allora come oggi non ci stavano disponibilitá economiche a parte qualcosa che si otteneva dalle cessioni e allora di giocatori di livello ve ne erano solo un paio che rimasero in quell’occasione così da agevolare anche i nuovi e sopratutto non cacciare unica cosa buona di allora che era l’attacco così come oggi di buono avevamo centrocampo e giocatori offensivi.
    Insomma mancanza di soldi a parte all’epoca non mancavano la chiarrezza, obiettivi chiari a tutti(non cerchia europa league subito ma riportare il gioco del calcio al franchi così da riappassionare i tifosi. Non proponiamo fumo x una volta .niente champions promessa da sinisa o lo scudetto dai fratelli ma diremo cose come stanno non fuggiremo dai tifosi ma ci avvicineremo a loro grazie alla trasparenza questo diceva pradé e quszto ci fu prima dei conigni e dei roggi . dei mencucci gelosoni e combinaguai).
    Ora non ci stanno idee non ci sta chiarezza e non ci sta un Macia che portò spessore internazionale.
    Ora i joaquin borja gonzalo o pizarro e soci non verrebbero mai qui e neanche allora avevamo le coppe a parte che unica coppa che interessa ai giocatori é la champions

  8. Io non sopporto le persone ipocrite, che ripresentandosi alla tifoseria (che l’aveva cacciato) indossò la sciarpa che gli donò il Ciuffi. Lui non può fare il ruffiano con la tifoseria e poi non parlare più…visto che comanda lui dia maggior importanza alla COMUNICAZIONE con persone che sanno parlare in italiano e al cuore della gente. Se non stimoli l’EMOZIONE dei “clienti” raccogli poco nonostante quello che tu potrai fare….siamo solo dilettanti!

  9. Dove prendete tutta questa rabbia contro Corvino? Basta che un articolo scriva il suo nome che vi scatenate. Vogliamo metterci in testa che il momento è delicato e bisogna essere tutti uniti per fare bene? Dai ragazzi proviamoci almeno per un paio di mesi. Poi se le cose non vanno liberissimi di contestare. Che ci costa provarci? Forza Viola

  10. Ma c’è ancora qualcuno che crede nella strana coppia Corvino.Freitas. Il pricia ribate al trattore che lo aspetta in Puglia, il secondo oggetto misterioso che in dua anni ha suggerito solo bidoni. Da questa coppuia ci aspettiamo un mercato scoppiettante?. Per le vendite (o svendite) non discuto, ma per gli acquisti solo voci che rimbalzanio salvo poi partire il classico prestito dell’ultima ora di mercato (chi si ricorda Belauana?). Sono riportati dalla piena, chi non lo ha ancora capito o ci è o ci fa…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*