Questo sito contribuisce alla audience di

Il nuovo re della zona Cesarini

Renato Cesarini, centrocampista della Juventus durante gli anni Trenta, venne associato per la prima volta alla zona che porta il suo nome dopo un famoso Italia-Ungheria, match terminato 3-2 dopo che l’Italia si portò in vantaggio al 92°, nel pieno di quella che poi diventerà la Zona Cesarini. La settimana successiva, parlando della partita, il leggendario giornalista Eugenio Danese, si riferì all’ultimo gol come “caso Cesarini”, che poi successivamente, probabilmente mutuando il termine dagli scacchi, diventerà Zona.
Probabilmente Khouma Babacar non sa nemmeno dell’esistenza di Renato Cesarini, ma con i suoi gol allo scadere sta imitando l’ex bianconero, regalando punti e vittorie preziose alla Fiorentina. Il senegalese è diventato ormai esperto delle reti allo scadere e il colpo di testa che ha deciso la partita contro il Palermo è l’esempio migliore di quanto detto.
In passato sono due le partite in cui Baba ha dato la vittoria ai gigliati con un gol a recupero inoltrato: nella stagione 2014-15 un suo colpo di testa (strano, vero?) regalò i tre punti ai Montella boys nella trasferta di Verona contro il Chievo. L’anno scorso invece, una sua zampata nei minuti finali bastò per battere l’Inter di Mancini al Franchi. Tutte reti pesantissime e che hanno regalato alla Fiorentina tre punti: quelli di domenica sera sono davvero oro colato, perché consentono ai viola di non perdere il treno che porta all’Europa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*