D’Agostino: “Io, Sinisa e Cerci abbiamo fatto bene a Firenze, ma in quella stagione era impossibile…”

image

Ritorno al passato per Gaetano D’agostino che ricorda la travagliata stagione con la maglia della Fiorentina, intervistato da RadioSportiva.

“Nella mia carriera le cose migliori le ho fatte all’Udinese ma anche alla Fiorentina, anche se qualcuno può dire l’opposto. I viola erano in un anno particolarmente difficile. Però realizzai 5 gol in 20 presenze, ero il centrocampista più prolifico”.

“Mihajlovic? A Firenze ha subito quello che ho subito io, come per Cerci. Chi è arrivato quell’anno nella Fiorentina ha trovato una squadra forte ma senza stimoli, con tante situazioni particolari, come quella di Montolivo. Abbiamo trovato un gruppo che l’anno prima aveva la Champions e non poteva ripetere quanto fatto”.

“Pubblico di Firenze? E’ una di quelle tifoserie particolarmente calde e vicine alla squadra. Se giochi bene e vinci ti senti in paradiso, ma se non vai bene è dura”.

“Cosa non rifarei? Quando ebbi la possibilità di passare in un grande club mi sono comportato troppo da bravo ragazzo. Mi sono fatto sfuggire un’occasione incredibile, come il passaggio alla Juventus”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA