Questo sito contribuisce alla audience di

D’Agostino: “La Fiorentina non può ridursi solo a valorizzare giovani, è abituata alle coppe. Badelj? Lo vedo male a due”

Regista a Firenze per una stagione ma anche a Benevento, ai tempi della Lega Pro, Gaetano D’Agostino a Lady Radio ha parlato proprio del match di domenica prossima: “Le difficoltà sono quelle di non far prendere fiducia al Benevento, che credo ne abbia pochissima in questo momento. Almeno fino a dicembre penso che proveranno a fare punti prima di progettare magari la prossima stagione in Serie B. I giocatori viola li vedo in via d’integrazione nei meccanismi di Pioli, Firenze è una piazza importante ma deve essere fatta chiarezza su quello che è il progetto da qui a 2-3 anni. E’ una piazza abituata al bel gioco, alle coppe europee, non può diventare una realtà di valorizzazione dei giocatori; gli anni di transizione devono servire per tornare sui livelli abituali. Il modulo lo fanno i giocatori, ma quando hai un Thereau molto bravo a giocare dietro le punte e che in fase realizzativa porta dei punti importanti, è normale adattarsi a lui o agli altri che ci sono. Il centrocampo secondo me non può essere a due però, Badelj ha bisogno di due giocatori al suo fianco. Conte al Chelsea lo usa ma ha Kanté ed altri giocatori molto fisici; la Fiorentina fa fatica in questo senso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*