Questo sito contribuisce alla audience di

Dai cori per l’Argentina alla difesa a cinque: ecco la Viola Vintage

Un successo all’insegna della fatica ma anche della tradizione, quello della Fiorentina sul Bologna nella definizione di Repubblica. Un successo che ha riportato la mente al calcio di qualche anno fa, un calcio vintage per una Fiorentina vintage: prima i cori inneggianti l’Argentina (particolarmente di moda nella storia gigliata), il paese del match winner Pezzella, e poi il classico catenaccio per tirare giù la saracinesca davanti ad un 2-1 preziosissimo. Emblematico in tal senso il cambio con cui Pioli ha tolto Thereau per inserire il terzo centrale Vitor Hugo e passare così ad una difesa a cinque. Un’abitudine, come detto, propria del calcio di qualche decennio fa ma il risultato ha dato ragione al tecnico viola e tanto basta. I punti della Fiorentina diventano sei, un elemento fondamentale per proiettarsi verso il futuro, con l’aiuto anche di un po’ di calcio del passato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

11 commenti

  1. Mossa giustissima e ti dirò di più…. io oltre ad Hugo avrei inserito anche sanchez e mi sarei schierato con un 5-4-1 di sostanza e contenimento. Per me pioli è stato Tim troppo superficiale io avrei addirittura osato di più. Mi sarei proprio difeso alla morte. È bello vedere xo che c’è ancora qualcuno che pena a fare queste mosse. Ora è tutto calcio champagne. Io mi sogno ancora un 4-4-2 all’italiana vecchio stampo. Che bello sarebbe.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*