Dall’inquietudine al sogno

Sembra che sia passato un secolo ma in realtà è passato soltanto un mese dalla partita contro il Genoa, vinta 1-0 grazie al colpo di testa di Babacar, e dalle successive dichiarazioni di Andrea Della Valle: al termine della partita, il patron viola parlò di “clima inquietante” in città e specificò di non riferirsi ai tifosi che peraltro nei giorni precedenti avevano manifestato il loro dissenso per il mercato della Fiorentina. Un mese dopo la situazione si è ribaltata: dopo sette partite di campionato la banda di Paulo Sousa è prima da sola a 18 punti, ha mietuto vittime illustri quali Milan ed Inter e se non fosse per quei maledetti nove minuti contro il Torino sarebbe a punteggio pieno in classifica. Acquisti denigrati ad agosto come Kalinic e Astori sono diventati delle colonne portanti della squadra e di questo ne va dato atto ai dirigenti viola, in primis al direttore sportivo Pradè. Ed in città si inizia già a mormorare quella parolina magica che inizia per S e finisce per cudetto: il valore della Fiorentina non è al pari delle big del campionato, come Juventus o Roma, ma la filosofia di Paulo Sousa è di valutare l’evolversi del campionato partita dopo partita. Sognare non costa niente e la Fiorentina, insieme ai suoi tifosi, non vuole certo svegliarsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

19 commenti

  1. Per diventare big dobbiamo vincere!…

  2. La squadra c’è e ho sempre detto di crederci al massimo.

  3. A Napoli vedo una partita sul filo dell’equilibrio ..ma se la viola segna per prima usciremo dal s.Paolo imbattuti .!

  4. Che dirti Franco48… Speriamo sia come dici te. Io ho negli occhi prestazioni modestissime di Tomovic contro esterni che a Insigne neanche gli legano le scarpe. Comunque… Il morale e’ alto

  5. marcolucania1973

    D’ACCORDO CON GREEN. AGGIUNGO: MORT’UN PAPA E SE NE FA’ UN’ARTRO !!!IL MIO CUORE VIOLA, INVECE, IS FOREVER !!!

  6. Moncicci 79…
    Roncaglia tornerà ad allenarsi soltanto giovedì-venerdì ahimè.
    Aggiungi anche il fuso orario e la stanchezza del viaggio (oltre 12 ore di volo).
    Metti anche il suo morale un po’ giù visto le critiche di questi giorni.
    Metti anche che è uno dal cartellino facile (soprattutto con un attacco come quello).

    Penso che sia meglio Tomovic a questo giro!
    Se coperto bene da Kuba e se rimane in difesa può rendere bene!
    Il morale di Tomovic non è certo alto ma è buono perché ora è diventato un perno della Nazionale dopo le critiche e le gaffe di Ivanovic!

  7. Franco48…
    Infatti ho scritto che a parte Salah nessuno è stato interessante!
    Comunque non per dirti nulla!
    Ma se guardi giocatori come Jovetic,Ljajic,Nastasic,Savic,Cuadrado,
    Salah,Kalinic,Badelj,Neto,ecc.
    Prima di Firenze sono dei giocatori discreti o poco conosciuti e dopo Firenze sono dei buoni-ottimi calciatori che vengono subito spinti nelle BIG (prima dalla stampa e poi dai loro giornalisti) per poi fallire tutti!

    Il mio consiglio?
    I vari Kalinic,Babacar,Bernardeschi,Badelj,Vecino,
    Diakhatè,ecc. semmai volessero lasciare la Viola per un’esperienza diversa oppure per un club migliore dal punto di vista finanziario soprattutto…consiglio loro prima di farsi 4-5 anni in maglia Viola da TITOLARI con costanza!!!
    Poi saranno TITOLARI anche nelle BIG!!
    2 stagioni positive in maglia Viola solo in casi rari vanno bene!!

  8. Green vedo roncaglia solo x la sua rapidità….loro lì davanti sono molto veloci…

  9. Sarà una partita difficilissima e la viola deve avere tutto l’appoggio di noi tifosi!Voglio ricordare che è il Napoli quello che deve vincere x non essere distaccato di troppi punti!Quando si deve vincere x forza le sorprese sono sempre in agguato!Forza viola fammi sognare come nel secondo scudetto!Ricordo che Pesaola disse:con questa squadra vinco lo scudetto e così fu!L’allenatore è cambiato e mi auguro che succeda la stessa cosa!Forza viola sempre!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*