Dall’ipotesi viola alla risalita in giallorosso, la rinascita del Faraone

El shaarawy Monaco

Nel mese di gennaio la carriera di Stephan El Shaarawy sembrava giunta ad un bivio: il Monaco aveva deciso di non riscattarlo e il ritorno in Italia era sempre più vicino. Il Milan però non ha intenzione di trattenerlo, perché il reparto offensivo rossonero è già pieno di attaccanti (Bacca, Niang, Balotelli, Menez e Boateng), e allora il Faraone deve trovare una squadra che punti su di lui e gli conceda un’opportunità. La Fiorentina si interessa a lui, ma i rossoneri pretendono l’obbligo di riscatto nella trattativa e i viola si tirano indietro. Rimaneva la Roma, ma il cambio in panchina da Garcia a Spalletti ha bloccato la trattativa per un po’ di tempo, fino al lieto fine degli ultimi giorni di mercato. Ed El Shaarawy non delude: subito in gol nell’esordio con il Frosinone e nella successiva partita di Sassuolo, tant’è che Spalletti decide di non rinunciare più al talento del Faraone, rinato nella Capitale a suon di gol, assist e grandi giocate.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*