Questo sito contribuisce alla audience di

Dallo spettacolo di Firenze al “doppiopesismo” del giudice sportivo

Disamina interessante quella apparsa sul portale Calciomercato.com, il cui direttore Xavier Jacobelli è da sempre un estimatore delle iniziative viola in direzione del fair-play e della buona educazione. Il gesto dell’esultanza di Pasqual, tuffatosi in mezzo al pubblico assiepato nel nuovo parterre di tribuna, viene già definita come una delle immagini più belle della stagione. Negli stessi termini viene definita l’accoglienza del pubblico napoletano a Diego Armando Maradona, ieri in tribuna al “San Paolo” ma il giudizio sul contesto partenopeo è macchiato pesantemente dalla vera e propria guerriglia che si è scatenata durante l’incontro, con il lancio di una cinquantina di bombe carta. Come ciliegina sulla torta ci sono stati anche tentativi di contatto con i tifosi giallorossi e conseguenti scontri con al polizia. L’augurio da parte di Jacobelli, a nome anche di Calciomercato.com è quella che le autorità preposte prendano provvedimenti, vista la sensazione sempre più diffusa dell’esistenza di un doppiopesismo in Italia, in materia di ordine pubblico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Anche solo la sesazione di doppio pesismo e brutta oltre tutto una sensazione di impunita e pericolosa perche finisce per incoraggiare chi vuol delinguere spero che i responsabili vengano daspati se nessuno venisse daspato i vertici delle forzel del ordine dovrebbero prendere le misure apropiate nelle procedure ( che non HANNO funzionato ) e nelle persone responsabili visto ia grande popolarita del calcio far finta di niente mi sembra inopportuno

  2. Vergognoso il far continuare la partita..in um momento le avranno tirate una decina di fila

  3. Sarebbe bene che Jacobelli facesse un articolo di protesta per la assurda disparità di trattamento fra le due partite di semifinale. Anche la ACF dovrebbe farsi sentire. Qua o ci facciamo sentire o non si ottiene niente.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*