Questo sito contribuisce alla audience di

D’Avirro: “Difficile che Gervasoni rischi qualcosa per ciò che ha scritto nel referto. C’è solo un precedente ma…”

Fa ancora discutere la vicenda Gervasoni-Borja Valero, in particolare per ciò che il fischietto di Parma-Fiorentina ha scritto nel referto, che non corrisponde assolutamente al vero. Ai microfoni di Lady Radio è intervenuto l’avvocato penalista ed esperto di diritto sportivo Nino D’Avirro, per spiegare cosa potrebbe rischiare Gervasoni: “Il problema è capire con esattezza la qualifica soggettiva dell’arbitro. Io ho delle perplessità sulla definizione precisa dell’arbitro sotto il profilo giuridico, soprattutto perché non c’è giurisprudenza sull’esatta qualifica. Se è un pubblico ufficiale, un privato o che altro. Esiste solo un precedente agli anni ’80 che lo qualifica come pubblico ufficiale, se così fosse ci potrebbero essere conseguenze penali perché è richiesta l’ammissione della verità da parte sua. Per rispondere di falso in atto pubblico bisogna essere pubblico ufficiale, non incaricato di pubblico servizio ad esempio. Se però in tutti questi anni c’è solo una sentenza ho delle perplessità sulla possibilità di qualificarlo come pubblico ufficiale. Se la falsa attestazione è commessa da un privato, non è penalmente rilevante. Il problema di un Gervasoni che crea un danno a Borja Valero o alla Fiorentina è un altro discorso, dipende dalla sua natura civilistica”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. È anche abuso di potere e di ufficio nonché falso in atto pubblico!

  2. Chi ha disponibilità e conoscenze,scavi ,cerchi scheletri nell’armadio,e metta in moto la macchina del fango,solo così potremo combattere queste categorie di meschini arroganti,che si elevano a divinità,solo perché qualcuno ha concesso loro di indossare una divisa.Sempre ed ovunque FORZA VIOLA

  3. non preoccupiamoci di queste quisquiglie …..abbattiamolo.

  4. Bravo Bruno ieri ero allo stadio e’ il gool di Gomez era regolare (un altro torto)

  5. Per citare in un giudizio davanti alla Magistratura Ordinaria un tesserato,c’e’ l ostacolo insormontabile della clausola compromissoria. Gli esecutori dei misfatti recenti saranno scaricati dal sistema se la societa’ terra’ alta l attenzione mediatica. Abete non rischia la sua faccia per un Braschi o un Nicchi. Qualche testa rotolera’ a tempo debito. Chi semina vento raccoglie tempesta

  6. ARRESTATELO …..SUBITO

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*