Questo sito contribuisce alla audience di

De Marco: “Chiellini e Pizarro…potevano essere entrambi rigori”

Ancora polemiche si registrano per alcune decisioni arbitrali del fine settimana. Stavolta sul banco degli imputati finisce la Roma, che sarebbe stata agevolata durante il match contro il Sassuolo, ma anche Fiorentina-Juventus ha visto un paio di episodi dubbi, sui quali si è espresso l’ex arbitro Andrea De Marco, intervistato da Tuttosport: “Potevano essere entrambi dei penalty – De Marco si riferisce al fallo di Chiellini su Gomez e al tocco di mano di Pizarro nel finale – ma di sicuro non siamo di fronte a decisioni clamorose”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Perdonatemi, ma ormai odio più il milan della rubentus.

  2. Rimane il fatto che la partita cambia completamente se passiamo in vantaggio.
    Poi, purtroppo, gli arbitri hanno facilità solo a concedere rigori alla Associazinde a delinquere AC Milan. RIGORE PER IL MILAN. Galliani Gay in incognito

  3. C’è una piccolissima differenza. Se viene concesso il primo rigore (Netto) alla Fiorentina tutto il resto è del senno del poi. La partita poteva finire con qualsiasi risultato, ma è chiaro la differenza psicologica e di tattica che sarebbe avvenuta dopo il rigore (sempre se fatto gol). Sarebbe stata un’altra partita. Quello che è preoccupante e che lascia molti dubbi è che il secondo rigore non viene concesso dall’arbitro per compensare il primo errore. Questo è scandaloso.

  4. Mi pare ovvio..non capisco perché tutte queste polemiche..ha sbagliato PRIMA CONTRO DI NOI..poi CONTRO DI LORO..ma da ambo le parti!
    Quindi alla fine la polemica è inutile!

    Sulla partita della Roma il discorso cambia..perché la palla sul rigore prima tocca una parte del corpo poi il gomito o braccio..mentre Florenzi al limite del fuorigioco(che poteva starci)..lì potrei capire lì polemiche..ma venerdì no!

    Tra noi e i Gobbi..si sono fatti 3 tiri sulla porta in ’94 minuti..ma cosa si pretende di più da ambo le parti?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*