Delio Rossi: “Sousa deve cambiare modulo e responsabilizzare i big. La squadra è meno brillante rispetto all’anno scorso”

Sousa in piedi

Delio Rossi, ex tecnico della Fiorentina, ha parlato a Radio Blu del momento dei gigliati: “La squadra fa fatica rispetto all’anno scorso, soprattutto a tenere i reparti corti: inoltre i viola recuperavano più facilmente il pallone ed erano già pronti per ripartire. Gli avversari, inoltre, hanno sempre spazio e tempo per pensare alla giocata da fare e questo può essere dovuto alla mancata brillantezza fisica. Sarebbe troppo facile dire che la Fiorentina è ormai conosciuta dagli allenatori italiani, un’idea giusta può essere quella di cambiare modulo passando magari ad una difesa a quattro. Chi fa l’allenatore deve avere equilibrio e in momenti come questi deve pensare di più all’interno che all’esterno e non preoccuparsi di quello che viene detto dalla stampa e dei fischi dei tifosi. Sousa deve responsabilizzare i giocatori più importanti della squadra e fare gruppo: può uscire da questo momento solo con il lavoro sul campo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Bravo Delio. Ma ci vuole tanto a mettere in campo un 4-4-2 e farli giocare stretti sui 20/30 mt. e indietreggiare o avanzare a fisarmonica? Ma tutto questo genio ci vuole? Ma con un allenatore di questo genere certi discorsi non si possono fare perchè è un vero incompetente. Va cacciato subito prima che ci mandi in B.

  2. Ha ragione Delio e se un capiscano du labbrate e zitti

  3. Deve far sentire tutti importanti e utilizzarli nei ruoli giusti. Ci si deve credere di più. Si deve correre di più.

  4. Ecco, appunto, il limite principale della Fiorentina di ieri era proprio quello delle distanze tra i giocatori, nel primo tempo allucinante, molto meglio da questo punto di vista nel secondo tempo, ma questa storia dei lavori in corso va in onda da inizio ritiro, li vede da due mesi, tutti i santi giorni, ancora non ha le idee chiare, Sousa? Spero faccia il miracolo a Dicembre, come Van Gaal al Bayern. Speriamo. E speriamo che ci arrivi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*