Della Valle, laggiù una lucina si accende

Della Valle si fa una foto con alcuni tifosi. Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Esistono meravigliose possibilità nella vita che ti mettono nella condizione di avere chances per poter rimediare ad errori compiuti, di poter ricucire strappi avvenuti, di poter modellare percorsi tortuosi, complicati, pieni di insidie di incomprensioni di buche e di difficoltà. Ma in tutto questo quadro, che naturalmente risulta spesso essere condiviso con aspetti pure positivi stimolanti e entusiastici, e dunque gratificanti, e magari vincenti, si richiede naturalmente il sacrificio e la lotta, oltre che l’umiltà, ma ciò che spesso determina la differenza è il trasporto emotivo, la disponibilità ad aprirsi per e verso il prossimo, a donare cuore e emozioni, a costruire insieme, a prendersi responsabilità nel rispetto delle posizioni e delle diversità di ognuno di noi. La famiglia Della Valle ha certamente influito su più fronti in questi quindici anni di gestione Fiorentina, ed è dato certificato, ma il calcio di oggi richiede spesso anche molto altro, non solo acquisizioni di giocatori allenatori direttori e amministratori,non solo vendita di biglietti e abbonamenti, non solo serate in ricordo di, o a favore del…

Leggi l’articolo completo di Bernardo Brovarone su Bernardobrovarone.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Per me la proprietà non ha passione, cuore, entusiasmo quindi dovrebbe passare la mano. Se non lo fanno è che hanno interessi. Questi sono imprenditori-finanzieri e della viola non se ne fregano un emerito *****

  2. Brova, io l’ho letto tutto il tuo articolo e, a parte la dose di buonismo e di ” volemose bbene” mielosa, spiegaci anche dove l’avresti vista la lucina che comincerebbe ad illuminare la srada che divide tifosi e proprietà. Perchè io non vedo proprio nulla, se non dei tentativi maldestri, per altro, di arruffianamento tipo la celebrazionedei 90 anni o l’invito ad Antognoni. Il resto è fuffa. Quello che la maggioranza dei tifosi vuole e PROVARE A VINCERE e mettere su un’organizzazione, un programma, vero, una squadra ed una dirigenza che all’unisono spingano e credano a questo obbiettivo. Dove lo vedi, te, questo ?

  3. Io non ci credo

  4. Va letto l’articolo completo, altrimenti ha ragione fiorry.
    Mi sembra un concetto molto ottimistico, ma comunque ….

  5. ahahhaha grande fiorry.

  6. Poi mandate anche la traduzione in lingua italiana?!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*