Questo sito contribuisce alla audience di

Di Marzio a FN: “Sorteggio non certo favorevole ma il Tottenham non ha identità. E se Gomez si svegliasse…”

GomezJuventusDa qualche anno entrato nel calcio inglese, come consulente del Queens Park Rangers, Gianni Di Marzio ha una certa familiarità con il mondo del pallone britannico. Con il Tottenham che incombe sulla strada europea dei viola, Fiorentinanews.com lo ha contattato per avere un parere sugli Spurs di Mauricio Pochettino.

Il sorteggio peggiore che potesse capitare è toccato proprio alla Fiorentina?

“Sì, le squadre inglesi sono sempre difficili da affrontare naturalmente, però quest’anno gli Spurs stanno andando a corrente alternata, pur avendo un ottimo organico ed una grande tradizione: non si può dire che sia stato un sorteggio favorevole. La Fiorentina sta dimostrando, a prescindere magari dalle ultime partite di campionato, che in Europa sta andando molto bene e sta acquistando una sua precisa identità. Certo se Gomez si decidesse ad entrare in forma… però Montella sta facendo miracoli”.

Che stagione è quella del Tottenham?

“Non brillantissima come detto, se pure il Tottenham sia una squadra aggressiva, che gioca con il 4-3-3, in modo comunque molto offensivo. Per ora però non riesce a trovare una sua identità e ad arrivare in zona coppe europee, per quanto riguarda il campionato. Sono assolutamente discontinui”.

Ci sono anche diversi calciatori dal talento un po’ inespresso, Lamela e Soldado su tutti…

“Sono costati tanto sia Soldado, che è un signor giocatore, che Lamela, pagato 30 milioni. Però evidentemente il calcio inglese non li ha avvantaggiati perché da quelle parti non ci si ferma mai, si gioca a ritmi forsennati, con intensità che noi ci sogniamo. Le difficoltà che noi troviamo, come club italiani, sono proprio queste, i ritmi di allenamenti e partite, e che poi ricadono anche sui calciatori che giocano da noi. Ci vuole tempo, all’inizio anche Jovetic ha fatto fatica, ora ha messo su peso e gamba ma è comunque una riserva nel City”.

Il mercato di gennaio potrebbe fare la differenza sugli organici?

“In Inghilterra hanno il vantaggio che è sempre mercato, prendono giocatori per un mese, poi li danno via; non ci si deve meravigliare mai di operazioni in qualsiasi momento dell’anno, parlando della mia esperienza ho visto ciò. Improvvisamente i manager si chiamano e si scambiano i giocatori quindi penso che il Tottenham farà sicuramente qualcosa a gennaio”.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*