Questo sito contribuisce alla audience di

Diego Della Valle insegna il mestiere a San Patrignano: “Sento obbligo di restituire un po’ di fortuna”

Trenta ragazzi presenti all’interno della comunità di recupero per tossicodipendenti di San Patrignano, a cui insegnare il mestiere e coinvolgere nella realizzazione di una collezione di borse e pelletteria. L’idea è venuta al proprietario della Fiorentina, Diego Della Valle, con l’aiuto dell’ex sindaco di Milano, Letizia Moratti.

“Sento l’obbligo di restituire un po’ di fortuna – ha commentato questa iniziativa lo stesso Della Valle – e spero che il mio esempio possa smuovere anche qualche amico imprenditore”. La collezione verrà anche commercializzata e il ricavato verrà riutilizzato interamente all’interno della comunità. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. antonio scozzi

    Continuo a sostenere che fra i tifosi della Fiorentina c’è un gruppo che non merita di essere chiamato tifoso viola, è solo brutta gente che cerca di mettere zizzania tra noi veri tifosi e la società. Fate proprio schifo.

  2. Caro Babbo Natale fai si che Don Diego della Tod’s visto che vuole trstituire un po’ di fortuna ci faccia un regalo ci restituisca la Fiorentina e caro Babbino visto che in Alaska hanno bisogno di spalatori noi c’è l’abbiamo uno ,facci un altro dono portaci lo Spalatore di Gubbio in Alaska , ma al nord dove c’è il ghiaccio più duro cosi lui si diverte e non ci rompe più i maroni.

  3. Alessandro, Toscana

    Abbasso lo spalatore!!!! Il servo dei potenti!!!

  4. Alessandro, Toscana

    Quoto Dario, è meglio se fa queste cose tanto a gestire la Viola non capendo nulla di calcio fa solo danni!

  5. Bravo DV è proprio di quello che ti dovresti occupare e non di calcio. Questo fallo fare a chi alla Fiorentina ci tiene e soprattutto a chi ha l’ambizione di portare qualche trofeo a Firenze. Grazie.

  6. Lo spalatore di Gubbio

    Sono queste le cose che mi fanno apprezzare la nostra proprietà. Viva i Della Valle. Abbasso i gufi tra i nostri tifosi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*