Questo sito contribuisce alla audience di

Difficile trovare un ruolo a Sanchez. La triste parabola del colombiano

Sanchez pronto a passare il pallone. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Un percorso progressivamente in salita quello di Carlos Sanchez in maglia viola. Il colombiano è arrivato alla Fiorentina dopo una retrocessione con l’Aston Villa e col passare del tempo ha avuto sempre meno spazio. Lo scorso anno Sousa lo ha utilizzato talvolta da difensore ed in alcune circostanze è risultato addirittura più utile che nel suo vero ruolo, il mediano. Sanchez in questa stagione è ai margini della rosa, ed ha trovato spazio a Ferrara solo a causa dell’assenza di Badelj. Lento, prevedibile, molto impreciso: è impossibile credere che il classe ’86 da Quibdò possa avere in mano le redini del gioco viola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Il fatto che non sia il sostituto di Badelj è ovvio visto che è un mediano incontrista. Se uno che ha fatto OTTANTA partite nella nazionale colombiana viene impiegato a pene di segugio non vedo cosa ci si possa aspettare da lui. E il fatto che anche Badelj, nazionale croato, stia giocando “male” è probabilmente figlio della squadra in cui gioca. A Ferrara nel secondo tempo si è passati alla difesa a tre con Sanchez difensore centrale e le cose sono andate nettamente meglio soprattutto per l’uscita di Olivera e poi di mister 20 milioni col c…o che li vale! Dulcis in fundo: nè Sanchez nè Badelj nè Iniesta farebbero gioco in una Fiorentina il cui terminale è uno che gioca a calcio solo perchè il padre è stato un campione: solo che non siamo nell’ippica, a parte il fatto che neanche Ribot ha avuto grande discendenza.

  2. Gabriel hai un nome stupendo ma non capisco la critica, è un articolo realistico sul capitano della Colombia che in maglia viola fa pena quelle poche volte (per fortuna) che gioca. Gli aggettivi usati, lento, prevedibile e molto impreciso, sono la fotografia di Sanchez. Poi che Badelj fa pena, forse anche per la situazione contrattuale, è verissimo, ma cosa c’entra… Domenica giocava Sanchez ed è giusto soffermarsi sul fatto che gioca proprio male.

  3. È facile accanirsi sempre sui soliti tanto alla fine lo fanno tutti ,a lei che ha scritto questo articolo il tanto decantato badelj mi ricorda quante partite a fatto da sette?forse sulle dita di una mano ne avanzano pure ,forse sarebbe il caso di chiedersi perché i vari Astori badelj sportiello babacar Simeone benassi non rendono per quello che si dice valgano? Ormai buttare la croce addosso a gaspar Sanchez non rende più ,spiegatemi perché a corvino non avete mai chiesto perché porta questi bidoni !
    Nessun accanimento, solo considerazioni visto il rendimento sul campo, da un titolare in nazionale ci si aspetta molto di più. Badelj sta andando molto male in questa stagione e nessuno dice il contrario. Saluti, Redazione.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*