Questo sito contribuisce alla audience di

Dionigi: “Fiorentina molto indebolita, perplesso dalla difesa. Simeone? Può essere il nuovo Kalinic, anche sul mercato”

Per breve tempo attaccante viola ed oggi allenatore, Davide Dionigi a Radio Bruno ha parlato della squadra di Pioli, dopo averla vista a San Siro: “E’ una squadra è indebolita sotto tanti punti di vista, però si è aperto un ciclo nuovo e si cerca di costruire qualcosa da capo. A San Siro ero a vederla dal vivo e ho visto una squadra molto indietro ma è normale, Pioli deve costruire, dare un’identità e far maturare questi giovani. Ho visto qualcosa di buono dal punto di vista offensivo, sulla fase difensiva invece c’è ancora molto da lavorare. Poi magari può arrivare qualcosa di sorprendente, Firenze non deve esasperare gli animi. Ancora oggi credo che Pioli non abbia in mente una formazione tipo e un sistema di gioco predefinito, la sua qualità principale è quella di adattarsi ai giocatori che ha in rosa per costruire il suo sistema ideale, gli va dato tempo per arrivare a capire la soluzione migliore. Non è un integralista. Quando si parla difensiva, dipende ovviamente non solo dal reparto arretrato, va trovato l’equilibrio giusto perché con l’Inter c’erano distanze enormi tra gli attaccanti che magari pressavano e i difensori che stavano bassi. Simeone? L’ho seguito tanto l’anno scorso perché avendo io un credo molto gasperiniano, mi intrigava. Juric ha avuto il merito di farlo rendere al massimo, anche se all’inizio non ci avrei scommesso. Firenze può essere il trampolino di lancio ideale, se Simeone viene sfruttato per quelle che sono le sue caratteristiche potrebbe essere il nuovo Kalinic, anche dal punto di vista del valore sul mercato. Non lo vedo però da unica punta, ma più con giocatori a fianco”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*