Diritti tv, ecco gli introiti se si utilizzasse il modello inglese FOTO

Foto: Fiorentinanews.com

Calciofinanza.it ha pubblicato un’inchiesta nella quale analizza i diritti televisivi italiani utilizzando le regole italiane. Il Governo è sceso in campo per risolvere i problemi del calcio italiano ed è al vaglio dell’Esecutivo un riforma della legge Melandri che dovrebbe portare a una distribuzione diversa dei diritti televisivi. L’obiettivo della nuova riforma sarebbe quello di andare verso il modello inglese di ripartizione. Per la Fiorentina la differenza sarebbe minima (3 milioni in più), ma per le altre squadre ci sarebbe un certo aumento o diminuzione. L’idea allo studio è quella di aumentare la quota da dividere in parti uguali (si potrebbe passare al 50%), facendo così felice le medio-piccole. Il secondo cambiamento riguarderebbe il bacino di utenza, che diminuirebbe dall’attuale 30% per spostare così la differenza nella parte relativa ai risultati sportivi.

inglese1

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Strano pensiero sulla democrazia e meritocrazia quelli tuo caro contabile,che di pueblo non ha veramente niente!!sembri tu piuttosto seguace di baffone o mussolini!!!!! Partiamo alla pari o quasi e chi è più bravo e capace vince .Adesso avendo molte meno risorse delle strisciate siamo costantemente davanti ad alcune di esse,quindi perché preoccuparsi tanto? Almeno che tu…..

  2. Caro contabile, niente e’ immutabile, e il bacino di utenza si puo ampliare con le vittorie… e i grandi giocatori. Oggi il bacino di utenza e’ il mondo per cui … Con i tuoi ragionamenti i DV avrebbero ancora il banchino al mercato di Casette d’Ete….

  3. Il contabile piglia i numeri, li infila in un frullatore è li usa per metterla come torna meglio a lui. Gira e rigira però vine fori che i DV nella migliore delle ipotesi sono pressoché ininfluenti se nn dannosi ( lo sponsor, contabile, lo sponsor)

  4. Contabile ma che ragionamento astruso vai facendo? Lasciamo pure perdere la juventus che ha lo stadio di proprieta’,ed ha una citta’di venti milioni di abitanti.Ma il milan,l’inter la roma ed il napoli verrebbero indebolite.e si apribbero gli spazi per la fiorentina.Tanto per fare un esempio,con ventisei milioni in meno nel napoli negli ultimi due anni,probabilmente Higuin quest’anno sarebbe stato venduto e difficilmente sarebb stato rimpiazzato.Ma poi con questo sistema sono loro a rcevere vantaggi arbitrali con le piccole,che sono troppo piccole rispetto a loro,non rispeto a noi.A noi non servono vantaggi arbitrali con il carpi,a noi conviene che il napoli la roma ecc…non siano sempre avvantaggiate con il carpi.

  5. caro contabile,quello che dici potrebbe essere giusto, ma ci sarebbe meno sproporzione. hai visto che l’inter e il milan,che negli ultimi anni spesso abbiamo lasciato dietro,avrebbero meno, e non quello sproposito che hanno adesso nonostante negli ultimi anni abbiano avuto poca trippa?? 😉

  6. Il contabile por el pueblo

    È chiaro come il sole che una ripartizione all inglese sarebbe penalizzante per la Viola,e i tifosi che la sognano sono dei perfetti idioti.Le strisciate e in misura minore Roma e Napoli hanno introiti in tutti i comparti superiori ai nostri in virtù di un maggior numero di tifosi\clienti.Piu sponsor,più ricavi dal botteghino,maggior merchandising.La Juve ha fatturato 340 mln l ultima stagione di cui 80 dalla CL.Senza CL sarebbero 260,togliamo altri 40 in virtù del modello inglese e cmq il divario dai ns 90-95 rimarrebbe ampio.Senza dimenticarsi che loro stanno pagando un mutuo per lo stadio.Al netto delle gravi problematiche di debito pregresso anche le milanesi avrebbero svariate decine di milioni di vantaggio.Si ridurrebbe il divario con Napoli e Roma questo è vero,ma rimarremmo sempre dietro.E in ogni caso,qualora non l abbiate capito,le padrone del calcio sono le paytv che metteranno sempre pressione sul palazzo affinché in CL vadano bacini di utenza importanti per ottenere come ritorno un certo numero di abbonamenti.Vuoi mettere quante tessere in più garantirebbe una Roma in CL ,piuttosto che la piccola Fiorentina?6.5% del tifo in Italia contro il ns 2.6?.Con la riforma all inglese alcune medie outsiders avrebbero più risorse mettendo a rischio la ns posizione di rendita che è la zona EL.Bella fregatura per noi altroché.E cmq in Inghilterra non è il Leicester che piglia 105 mln annui dall Adidas ma il ManU,non è il Norwich che piglia dal main sponsor Yokohama 55 mln ma bensì il Chelsea,non è lo Swansea che incassa 92 mln dallo stadio ma l Arsenal…in altre parole i bacini di utenza esistono e il mercato li premia.A meno che uno non pretenda che tutti i ricavi di qualsiasi genere vengano messi in un calderone comune e spartiti secondo modalità sovietiche.A quel punto allora dovete sperare che nasca un nuovo Baffone…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*