Diritti Tv, Fiorentina doppiata dalla Juventus

Foto: Paolucci/Fiorentinanews.com

Su La Gazzetta dello Sport si parla dell’annoso problema dei diritti televisivi, unica vera fonte di introiti per le società di Serie A e tema caldo da sempre ma per il quale non è si è mai cambiato politica. Secondo lo studio del quotidiano sopracitato il tesoro da spartirsi tra le 20 società di Serie A è di 924,3 milioni di euro netti, ripartiti così: Il 40% in parti uguali (e ogni squadra incamera 18,5 milioni). Il 30% viene suddiviso in base ai bacini d’utenza mentre l’altro 30% è in base ai risultati della squadra. Con questo sistema la Fiorentina incassa 51,2 milioni di euro (settima in Italia), e poco meno della metà della Juventus che si attesta a 103,1 milioni di euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. FINALMENTO HO LETTO DEI COMMENTI INTELIGENTI ! NON I SOLITI COMMENTI IDIOTI CHE CRITICAVANO I DELLA VALLE …. DA PARTE MIA I IL CALCIO INIZIA A FARMI SCHIFO … FAREI GIOCARE SOLO LE MILANESI E LA RUBENUS .. E FOSSI DIEGO E VENDEREI TUTTO , TANTO LE MEDIO PICCOLE NON VINCERANNO MAI PIU’ ,,,, SONO FINITI DEL CAGLIARE VINCITORE DELLA FIORENTINA DEL TORINO E VERONA.. …CHE SCHIFO IL CALCIO COSI’.

  2. Questo è il vero problema del calcio italiano: tutto è strutturato in modo tale che finiscono per vincere sempre le solite squadre. Questo divario non sará mai superabile; hai voglia di fare lo stadio nuovo e la cittadella!
    Bisognerebbe che le squadre medio-piccole di rifiutassero di scendere in campo per fare gli eterni sparring partners delle squadre più ricche; ma evidentemente questo sistema in fondo va bene anche a molte di loro….. basta ricordarsi che i della valle (che avevano capito il cuore del problema) furono lasciati soli quando cercarono di cambiare la ripartizione dei diritti tv. Eppure se non si interviene su questo fattore le cose non cambieranno mai.

  3. Concordo su tutto quello che dice Batigolle… per me si dovrebbe partire tutte piu o meno alla pari come diritti tv si intende . poi si vede chi saprà meglio investire le proprie risorse avrà successo. Certo cosi hai un vantaggi sulle medio piccole ma non avrai mai la possibilità di lottare con le big che invece anche se sempre piu forti per il merchandising maggiore con un attimo di fortuna e di programmazione giusta potresti battere.. Guarda quest anno sei a pochi punti nonostante il divario enorme compreso i diritti televisivi

  4. Contabile le top inglesi riescono a fare cassa di sponsor e merchandising ed è un conto, ma tutte le società in Premier vengono considerate, quasi, alla stessa maniera nella suddivisione dei diritti, o perlomeno con maggior equità rispetto alla serie A. Il Leicester è una squadra che non ha mai vinto niente nella sua storia. Leicester citando wikipedia “ha una popolazione di 285.000 abitanti (440.000 nell’area urbana), che la rende la decima città dell’Inghilterra e la tredicesima del Regno Unito”. Ok che è un miracolo sportivo in relazione alle entrate delle altre, ma non facciamo finta di non vedere che quest’ estate hanno speso qualcosa come 40-50 milioni (di passivo), Roba che da noi viene fatta solo dalla Juve o dalla Roma e nell’ ultimo calciomercato da Milan e Inter. La Premier è ricca ma garantendo di diritto una bella fetta di diritti tutte le squadre in Premier possono fare un progetto tecnico di livello se ne sono capaci, mentre le big anche se di partenza hanno di più, rischiano di più e possono capitare in annate storte, magari sbagliando un investimento e trovando altre rose competitive (vedi Man Udt, Chelsea, Liverpool… ci sono stati tanti casi negli ultimi anni). Spendere 100 milioni per un giocatore può rivelarsi rischioso. Se in Serie A, Bologna, Torino, Hellas o altre squadre diventano più competitive il gioco prende gusto. Tutto tornerebbe ad esser più bello e si baserebbe sulla competenza delle società. Può capitare un anno in cui arriverai a centroclassifa, ma se organizzi bene la squadra puoi sperare di vincere. Non dovrebbe essere un utopia lo scudetto per tutte le squadre ad eccezione delle solite. Siamo a dei livelli che si potrebbe assegnare lo scudetto ad Agosto e che può fare doppio mercato, comprando i campioni nell’ immediato e tutti i migliori giovani italiani prospetti per il futuro.

  5. Il contabile por el pueblo

    Elbaviola,è vero che in Inghilterra le differenze sono poco significative nell ambito dei diritti tv,ma come avrai notato,tranne rari casi,le prime posizioni sono sempre appannaggio delle solite,i due Manchester,il Chelsea,l Arsenal e più raramente il Liverpool.Poi lì attaccato c è quasi sempre il Totthenam che cmq è una potenza da oltre 250 mln di fatturato strutturale.Il Leicester è un miracolo che mi auguro si realizzi perché Ranieri se lo meriterebbe proprio.Ma è un eccezione.Le “solite” dalla loro hanno proprio quei comparti dove vige la legge del mercato:più tifosi-clienti = più introiti e quindi a loro poco cambia se il Norwich o l Hull City prendono quasi gli stessi soldi dalle tv,avendo nei loro confronti un vantaggio finanziario cmq enorme.Anche se togliessi altri milioni alla Rube,il divario rimarrebbe ampio.E aggiungo che tutta sta voglia di dare milioni in più alle medie outsider tipo Toro,Bologna,genovesi io non ce l ho,perché si sta un attimo a passare da eterna qualificata all EL, a qualificata ogni tanto…comprendi?Mi tengo il mio vantaggio competitivo stabile sulle medie,cercando l affondo alla zona CL se lor signori delle paytv,i veri padroni del calcio italiano in quanto unici finanziatori, ce lo consentiranno.Ci credo poco ma ci spero lo stesso.

  6. lucabilly1963, da Atene, Grecia

    La ripartizione iniqua dei diritti tv mi ricorda l’abolizione del sorteggio arbitrale libero che permise anche al Verona di appiopparsi lo Scudetto al petto. Se per tante cose sono criticabili, per altre, gli inglesi ci possono ancora insegnare qualcosa come I valori dell’equita` e della meritocrazia. 50 milioni di divario = 3 giocatori di stazza europea. Parti con -5 di penalizzazione… Sempre forza Viola

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*