Questo sito contribuisce alla audience di

Dopo il passo indietro di Della Valle, Cognigni diventa SuperMario. La coppia della falsa ripartenza

Si continua a parlare del passo indietro annunciato da Andrea Della Valle la settimana scorsa e dei possibili effetti che può avere sulla FiorentinaLa Repubblica sottolinea come questo arretramento del presidente onorario e proprietario della squadra rende ancora più forte la posizione di SuperMario Cognigni, quindi del suo uomo Pantaleo Corvino e di tutti gli annessi e connessi. La coppia, quella composta da Cognigni e Corvino, è la stessa che organizzò la falsa ripartenza del dopo Prandelli. “Resta da vedere – si legge ancora sul giornale – se questa volta ci metteranno qualche idea in grado di rilanciare l’immagine di una squadra perduta nella sua assenza di identità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. La STRANA COPPIA, NOSFERATU Cognigni e la BALENA BIANCA Corvino, però un primato ce l’hanno, nella Firenze patria della lingua italiana, in due, e con immenso impegno, non ce la fanno ad articolare una frase nella lingua italiana di senso compiuto. NOSFERATU Cognigni si esprime solo nella lingua dare/avere, che è un suo personale copyright, Corvino invece parla agli ulivi e solo a quelli, gli unici in grado di comprenderlo, come San Francesco parlava ai lupi e alle bestie selvatiche. Il Bestiario ai vertici della Fiorentina merita una puntata extra di SuperQuark, allertiamo gli Angela, e invochiamo gli Angeli, siamo in un grandioso film horror, e della nostra condizione dobbiamo ringraziare i Della Valle bros. del paso doble e del passo indietro, che si aprano le danze.

  2. Questo la dice lunga su che effettivamente comanda nella Fiorentina. Io personalmente non me la sento di prendermela con Andrea che nel limite di quanto gli è stato concesso ha tentato di dare una svolta. Non trovo giuste le offese anche pesanti nei suoi confronti. Comunque i risultati ottenuti da questo duo parlano chiaro.

  3. ciao. Concordo al contrario al 100% sull’ottimo , sullo straordinario lavoro che fecero Macia e Pradé per me hanno fatto i numeri e trovo (diciamo)assurdo che li hanno allontanati e senza il bisogno di fare chiarezza in merito.qundo era nell’aria allontanamento di Macia o quando uscivani certe voci e dichiarazioni temevo che stavano per romlere il giocattolo e purtroppo l’hanno fatto.
    Quel che volevo dire e che pure se della valle allontana conigni(cosa impossibile perché x me lui fa da tramite e unico tizio di cui si fidano che Maciae prade non avevano il potere di firma a contrario di corvino e di ogni ds al mondo e quindi avevano bisogno del suo avvallo che cmq al 95 % era quello della societá ovvero incassato un tor potete spendere tutto o solo la metá o il 10 % etc).
    Insomma Corvino con Conigni o con Andrea presidente almeno x me farebbe la stessa cosa.i canali che ama corvino sono quelli che fanno felice conigni che li ha conosciuti tramite il ds che é nel mondo del calcio da prima e di questo si occupa.probabilmente hanno diciamo canali privilegiati etc però Corvino ha portato anche buoni giocatori ma la cosa preocculante e che l’ha fatto solo con autofinanziamento.
    Nell’ultimo anno con PRENDElli i della valle eran più presenti ma sul mercato cmq si andava senza fondi e impegnati in champions siamo scoppiati sul più bello x arrivi esotici invece di 2 giocatori promti che potevano dare una mano e non credo dipese da Conigni perché era prima dei passi indietro.
    Insomma con le commissioni ci mangeranno in 2 invece di 1 . son cose che nkn fanno piacere ma mi lare solo una questione di facciata.
    E che ci servirebbe un Macia o l’ex siviglia che giustamente é stato ingaggiato dalla Roma e con la giusta autonomia. Ognunk al suo posto ma qui vogliono semplicemente non 1 capace o meno ma che segue le direttive tilo spendere o il 10 o il 50 % di quello che si incassa senza dire nulla a prescindere se non che millantare i grandi successi e sforzi della societá che vi siano o meno

  4. Sì ch'io fui sesto tra cotanto senno

    @insider
    Ho già scritto sull’affare Pioli .
    Quando firmò per l’Inter 1.8 milioni anno fino a giugno 2018 era già consapevole che comunque a giugno 2017 sarebbe terminato il suo incarico …
    Adesso , dopo essersi accordato per la buonuscita …diciamo 900 mila ?, ha siglato un biennale da 1.2 con noi …
    Ha saputo farsi i suoi conti …è conscio di allenare dei pipponi alla Fiorentina e con i DV non verrà mai esonerato .
    Vogliamo provare a fare due conti ??
    2.4 milioni più 900 mila uguale 3.3 milioni in due anni …e ci credo che dice sì …
    Questa gente viene esonerata e come per magia ritrova un posto a condizioni economiche ancora migliori …

  5. Al tempo, Corvino fu cacciato perché il furbo gnigni pensava di gudagnare di più con Ramadani. Ora l’hanno richiamato perché solo uno come lui, che dopo Bologna aveva come alternativa la pensione anticipata, può accettare senza problemi di cofirmare il progetto di liquidazione richiesto da don Diego. Male che vada, insaccoccia un po’ di percentuali sulle plusvalenze e si ritira tra gli olivi.
    P.S. Voglio proprio vedere se Pioli sarà così bischero da farsi coinvolgere in un progetto che non ha nulla di sportivo o se, per caso, dovranno virare su un allenatore che non ha nulla da perdere.

  6. Sì ch'io fui sesto tra cotanto senno

    @Acebati
    Ciao
    Cognigni funziona con Corvino ed il suo amico Ramadani. ..I due si scambiano favori ( percentuali interessanti per Ramadani e plusvalenza per Gnigni …per Corvino premi fine anno )
    Nel periodo Macia e Prade’ sono stati fatti ottimi acquisti per un tozzo di pane ed errori incredibili GOMEZ ( voluto da chi ? )
    Cognigni in quel periodo si è avvalso della consulenza di Ramadani per rientrare economicamente. …
    Strano che Cognigni dica peste e corna dell’operato di Prade’ e idolatri l’operato di Corvino ….strano davvero

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*