Dopo tante occasioni sprecate per la Primavera è l’ora della concretizzazione

Altra grande occasione per la Fiorentina Primavera, che si presenta, come spesso accaduto ultimamente, alla fase finale del torneo tra le favorite. Negli ultimi anni di trofei a livello giovanile ne sono arrivati un paio: Coppa Italia e Supercoppa Italiana 2011, oltre ad una serie di semifinali da amaro in bocca. Su tutte citiamo i due precedenti relativi al campionato: uno risale proprio al 2011, quando la Fiorentina di Renato Buso raggiunse il Varese di Mangia al 92′ grazie a Carraro. I lombardi, che erano già in 10, rimasero addirittura in 8 per gran parte dei supplementari ma la Fiorentina non riuscì a sfruttare il triplo vantaggio numerico e perse poi ai rigori. Stesso esito, dal dischetto, anche nella scorsa stagione: la squadra di Semplici rimontò ottimamente contro il Chievo durante i 90 minuti, sfruttando (stavolta sì) la superiorità numerica, per poi farsi agganciare, sul 2-2 prima, e sul 3-3 poi. Un finale da mangiarsi le mani, che potrebbe essere vendicato stasera, con un po’ più di cinismo e cattiveria agonistica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA