Questo sito contribuisce alla audience di

E’ crollato il castello

GomezInfortunioGinocchioFacciamo qualche passo indietro quando a luglio con un Mario Gomez in mano, la Fiorentina ha deciso di stravolgere una squadra, una filosofia di gioco, e di plasmare un nuovo undici sull’attaccante tedesco. Poi però giusto alla terza giornata di campionato, Gomez è stato messo ko da un intervento killer del buon Agazzi (che fosse solo per questo non arriverà a Firenze) e il castello costruito dalla Fiorentina con Mario là davanti come punto di riferimento, è venuto giù, e allora Montella è stato bravissimo a ricostruire una squadra che anche senza il suo punto di riferimento ha saputo a tenere botta in tutte le competizioni rimanendo attaccato, anche in campionato, alle posizioni che contano. L’assenza del tedesco ha fatto venir meno una filosofia di gioco costruita a puntino su di lui.

© RIPRODUZIONE RISERVATA