E diamo un po’ di credito a questo Gilberto

Urge forse un ripensamento ed un margine di credito da riconoscere al povero Gilberto, che forse fin troppo anticipatamente era stato bollato come “nuovo Romulo” (e non sarebbe stato forse un paragone così malvagio) o addirittura come “nuovo Octavio” (e in questo caso sarebbe un problemone). Il brasiliano classe ’93 è arrivato da poco in Italia e da ancora meno tempo si è aggregato al gruppo di Sousa ma ieri è stato gettato nella mischia dal primo minuto, come sostituto di un certo Joaquin. Ed il giovane esterno se l’è cavata più che bene, dialogando con i compagni ed arrivando in alcune occasione anche al cross. Certo sembra difficile, per ora, immaginarlo da terzino di spinta, alla Cafu per intendersi, ma alcune referenze un po’ troppo negative su un calciatore proveniente dalla Serie B verdeoro avevano portato ad inevitabili pregiudizi. Come detto anche ieri nel post gara, trattasi di calciatore ancora da valutare ma come avvio poteva andare anche peggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. perché tomovic è andato meglio? non spinge non pressa e si fa saltare facilmente

  2. Tatticamente è tutto da scoprire ed educare ma ho notato due cose, ha buona tecnica e buona prestanza fisica, nel senso che è anche un bel torello.

  3. Se lo ritieni un terzino sbagli di grosso. Questo, tatticamente, può avere l’evoluzione di Cuadrado, se poi ha anche tecnica può fare lo stesso percorso. Oggi non chiedergli di marcare, lo bruci. È un buon giocatore alla faccia dei soliti ben informati che lo avevano definito un bidone prima ancora di vederlo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*