Questo sito contribuisce alla audience di

E ora su Kalinic Della Valle può dire no

Il Governo cinese mette i freni alle follie del mercato, chiedendo con forza una politica più attenta e oculata sul calciomercato, evitando le spese folli che stanno caratterizzando le operazioni cinesi. Dunque il Tianjin fa un passo indietro su Kalinic e abbassa l’offerta, non più 45 milioni ma 35-38, ovvero ben al di sotto della clausola da 50 che la Fiorentina ha voluto inserire per blindare il giocatore. Dunque, riprendendo anche i concetti di Della Valle e Corvino, è lecito aspettarsi un no secco da parte della Fiorentina a quelle cifre (ovvero 35 milioni). Se poi in tutto questo ci mettiamo pure che Kalinic non ha tutta questa voglia di finire in Cina, allora è doveroso aspettarsi una presa di posizione importante da parte di Della Valle: se il Tianjin vuole Kalinic deve pagare la clausola rescissoria, o al massimo avvicinarsi molto…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

14 commenti

  1. I della Valle hanno sempre venduto i giocatori ad un prezzo congruo Jojo 30 ml Savic 24ml Nastasic 22ml cuadrado 30ml Alonso 30 ml … ma cosa dite?

  2. O portano almeno la clausola non se ne fa di nulla.

  3. Della Valle può dire di no bella questa me la rivendo come barzelletta, si sta parlando del DV quello che ad Agosto acquisto Cuadrado il regalo per Firenze e a gennaio lo rivendette.

  4. Ahahah!!! Della balle dice no solo quando deve tirarli fuori! Grande scudettato del fair play!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*