Questo sito contribuisce alla audience di

E’ sempre più Sousa contro Fiorentina

Dal patto per l’Europa League al “Nessuno mi ha mai chiesto l’Europa come obiettivo” pronunciato da Paulo Suousa. Dal patto del baccalà tra Corvino e il tecnico alle parole, sempre di Sousa, di ieri: “Io alleno ma questa squadra non è mia”. Insomma Sousa ha deciso di esternare, quando può, il suo malumore e forse un po’ di frustrazione dopo una stagione deludente, anche per lui, nei confronti di una società che evidentemente lo sopporta/supporta solo per non doverne scegliere (e pagare) un altro. Un duello che ci accompagnerà da qui al termine della stagione quando le strade si separeranno definitivamente con Sousa da una parte e la Fiorentina dall’altra, ma che francamente lascia perplessi nelle sue modalità. Ma le domande sorgono spontanee, se invece di punzecchiarsi per tutto il campionato, le parti, si fossero concentrate di più sulla stagione in corso, la Fiorentina sarebbe più in alto in classifica? E poi, Sousa sta facendo di tutto per farsi esonerare? e la Fiorentina si è rassegnata al silenzio?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

14 commenti

  1. A volte mi chiedo cosa è stato promesso e non mantenuto a Sousa, quando arrivò, per fargli avere questo atteggiamento verso la società……….ma anche a Prandelli e a Montella.
    Voi ve lo siete mai chiesto ? Fatevi delle domande e cercate delle risposte, casualità ? coincidenze ? ma perfavore !!

  2. supercannabilover

    Alle volte alcune scelte sono imposte dalla societa’.. ilicic deve essere venduto e se non gioca tocca regalarlo

  3. Cari tifosi, secondo me dovremmo metterci in testa una cosa: SOUSA DEVE ALLENARE, FAR GIOCARE I MIGLIORI E DARCI DELLE SODDISFAZIONI, CHE NON SARÀ VINCERE LO SCUDETTO, MA NEPPURE STARE NELLA MEDIOCRITÀ.

    LE CHIACCHIERE DI SOUSA – CON IL CAMPIONATO AGLI SGOCCIOLI –
    HANNO IL VALORE DELL’ARIA FRITTA.

    Ieri c’erano TUTTE le premesse per vincere (se avesse fatto giocare Saponara e Chiesa invece di un inutile Bernardeschi e di un depresso come Ilicic!) invece siamo solo riusciti a pareggiare all’89 esimo!!!!!!

  4. Sousa perché non vai …….. , sei un ………, non si può tenere uno …… così in società .

  5. Sicuramente con i titolari e i rincalzi (scarsi)che abbiamo senza l’E.L.avremmo fatto un campionato migliore ai livelli della Lazio o qualcosa in più,quindi in questo anno di rifondazione è meglio stare fuori dall’Europa e allestire una squadra per rientrare lottando nel quarto posto che vuol dire Champion. FVS

  6. Continuo a ribadire che sicuramente anche lui ha delle colpe e fa delle scelte di formazione che ti lasciano a bocca aperta come ieri nel continuare con quell’Ilicic che tutti vedono quanto sia demotivato e in scarsa forma, per poi lasciar fuori Saponara e Chiesa, però sono anche certo che se lui lancia queste frecciate ci devono essere delle motivazioni, noi sappiamo cosa si sono detti con il Corvo? Sappiamo cosa gli hanno promesso a livello di investimenti o di scelte condivise?

  7. Redazione:
    io con tutti sti messaggi cifrati ci capisco veramente poco (per non dire nulla), anche perché di carattere sono per dire vino al vino e pane al pane.

    A pelle mi verrebbe da dire, allena, cerca di mettere la squadra migliore e non rompere i c. … dato che ti pagano per questo!!

    Tutta sta filosofia ha veramente rotto gli zebedei!!

  8. In una società seria Sousa era già stato mandato via da un anno. Qui invece per risparmiare si preferisce farsi prendere per il culo e lui lo fa consapevole che tanto via non lo manderanno mai… contenti loro…

  9. Max io davvero ti ammiro perché sei onesto ma forse un po’ ingenuo. Sousa ha voluto ribadire che la squadra è stata fatta da corvino senza di lui, senza l’apporto dell’allenatore. Non è la prima volta che fa queste esternazioni e mi vedo completamente d’accordo con la redazione. Perché mai Sousa dovrebbe dirci che la Fiorentina non è sua? Che banalità è? Mi dispiace ma io credo che sia l’ennesima ripicca…come quella sull’Europa…

  10. Caro Zei, l’italiano è italiano e le parole non si possono interpretare a seconda delle convenienze del momento.Se avesse detto “la squadra non è la mia” sarei d’accordo con lei, ma Sousa ha dello “la squadra non è mia” e questa è una banalità sacrosanta in quanto la squadra è della Società e magari di Firenze o dei tifosi ma non certo sua. Questo è italiano sacrosanto il resto sono chiacchiere da bar.
    Visto che è così banale perché ricordarlo? Siamo tutti concordi nel dire che la squadra non è di proprietà di Sousa ma nessuno ha mai sostenuto il contrario, mentre più volte ci hanno detto che questa Fiorentina è stata costruita da Sousa e Corvino (con il famoso pranzo in Portogallo ecc). Se Sousa dice una cosa del genere non lo fa per ricordarci che i Della Valle sono proprietari della Fiorentina, troppo banale troppo ingenuo per una persona intelligente come lui. Il senso delle sue parole è un altro, poi magari l’italiano non lo aiuta. F.Z.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*