E’ svanito l’effetto Salah?

Salah Delusione

Salah DelusioneArrivato alla Fiorentina come parziale contropartita nell’affare Cuadrado, il nome di Mohamed Salah non aveva affascinato il cuore dei tifosi viola: troppe le panchine e le bocciature rimediate nel Chelsea per far credere che fosse arrivato sulle rive dell’Arnoil Messi d’Egitto“. E invece l’ex Basilea ha stupito tutti fin dalla prima partita, ad iniziare da Montella, che ha creduto e puntato su di lui, ed è divenuto un titolare inamovibile dello scacchiere viola, impiegabile sia come seconda punta nel 3-5-2 che da esterno offensivo nel 4-3-3. E’ bastata la prima partita titolare giocata da Salah per far ricredere i tifosi viola: schierato dal primo minuto in coppia con Babacar, il numero 74 viola è andato subito in gol ed ha mostrato una bella intesa con l’attaccante senegalese, a cui ha servito l’assist per il raddoppio. Da lì in poi è stata un’escalation di emozioni: il gol del momentaneo vantaggio viola contro il Torino, la rete del 2-0 contro il Tottenham che ha chiuso il discorso qualificazione e quella contro l’Inter che è valsa alla banda di Montella i tre punti. La ciliegina sulla torta è stata senza dubbio la doppietta contro la Juventus nell’andata della semifinale di Coppa Italia: il primo gol, con quella cavalcata entusiasmante, rimarrà nella memoria dei tifosi per molto. Paradossalmente la partita contro la Vecchia Signora è stata l’apice del momento d’oro di Salah: da lì in poi le prestazioni sono calate ed è arrivato solo il gol che ha chiuso la partita contro la Sampdoria. Certo, l’egiziano corre, dribbla, serve assist al bacio ma non è più quel cecchino sotto porta ammirato nei primi due mesi in viola: le difese italiane gli hanno preso le misure e adesso viene quasi subito raddoppiato, se non triplicato. Adesso toccherà proprio alla bravura dell’egiziano ed alla sua intelligenza calcistica trovare le giuste contromisure per tornare quel giocatore che ha fatto innamorare Firenze. La Fiorentina ha bisogno di lui in questo finale di stagione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

18 commenti

  1. Solo in Italia riusciamo a rovinare giocatori come Salah,pero’ e’ un grande e deve restare.Quando e’ arrivato in Italia,aveva la mente sgombra e netta,oggi e’ annebbiata da un clima e da un modo di fare,caratteristico del calcio italiano,dove anche campioni come lui riescono ad ingrigirsi.

  2. Lo fa giocare come cuadrado e sbaglia. E poi mettiamoci pure che risente degli allenamenti praticamente inesistenti di questo staff. All’inizio correva il doppio perché in Inghilterra si allenava bene.

  3. Montella l’ha già sfinito, facendolo giocare troppo e caricandolo della responsabilità di tutta la squadra… ed è già mezzo cotto 🙁 poi è troppo veloce per il resto dei nostri giocatori che non gli stanno dietro… e anche un pochino troppo egoista.
    Ma è un grande, ed sopratutto è giovane con ampi spazi di miglioramento, quindi è una bella risorsa 🙂 Con un allenatore (no Montella) e un compagno (Babacar) giusto, ci darà grandi soddisfazioni 😉

  4. CON UNA SQUADRA MOSCIA ALLA FINE SI E’ AMMOSCIATO ANCHE LUI.SI E’ PERSO ANCHE LUI NEL GRIGIORE GENERALE.PERO’ ANCHE SE NON SEGNA E’ SEMPRE TRA I MIGLIORI IN CAMPO

  5. Stimo Montella, ma con un Sarri in panchina questa squadra sarebbe almeno al posto della Lazio !!!…ne sono fermamente convinto !!!

  6. No, è svanita la Fiorentina ed il suo centrocampo !!

  7. Non creiamo problemi che non esistono!

  8. Il risultato del gioco montelliano, sta seguento le orme di Cuadrato.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*