Questo sito contribuisce alla audience di

Ebbene si, la società vuole il sesto posto

La prima pagina de La Nazione in edicola oggi sottolinea come quella odierna contro i rosanero sembra essere per la Fiorentina la partita più semplice fra le ultime cinque. Da metà febbraio il Palermo ha infatti perso otto gare su dieci incassando 30 gol e sembra tutto è fuorché una squadra munita di autostima. Lo testimoniano fra l’altro i settantatré gol subiti (solo il Pescara ha fatto peggio con 74) e i ventitré ko totali, registrando quindi il peggior dato statistico di tutto il campionato. Con queste premesse la Fiorentina oggi dovrà vincere perché il rallentamento simultaneo di Inter e Milan l’ha portata in confidenza con il sesto posto. E ora è davvero il tempo di crederci, volendo non assegnare alla stagione il simbolo di campionato anonimo e inconcludente. I viola hanno una chance per dare un senso all’attuale stagione. Il sesto posto comporterebbe anche l’accesso al terzo turno preliminare di Europa League con tanto di preparazione anticipata, turni estivi contro avversari teoricamente improbabili e rientro alla base anticipato. Tutto questo non spaventa la società, più che mai convinta che l’obiettivo sia importante e da raggiungere. E allora serviranno senz’altro tre punti oggi, possibilmente per avvicinarsi ancora di più a a Milan e Inter rispettivamente impegnate con Napoli e Crotone. La Fiorentina si inserisce fra le ambizioni dei milanesi. E se è vero che fra i due litiganti il terzo gode…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. supercannabilover

    Mitico Luca, l’articolo era sul la Nazione!

  2. Stefano e’ un direttore che piace ai lettori..Costruttivamente critico e velatamente provocatorio al tempo stesso ironico con l’ambiente viola..Come in questo articolo..Stefano Del Corona fossi per me saresti il nuovo presidente della Fiorentina..Sicuramente per la passione che ti contraddistingue in antitesi al piattume dei DV torneremmo dopo anni luce a vincere!..Un saluto anche a tutta la redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*