Eccesso di coerenza

L'allenatore Paulo Sousa. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com
L'allenatore Paulo Sousa. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Anche i più distratti hanno capito che Sousa non sogna più, è realista ai limiti dell’entusiasmo sindacale, colpisce perciò che lo abbia ripetuto anche ieri prima della gara col Bologna perché nessuno suppone più il contrario, visto il distacco professionale con cui l’allenatore della Fiorentina ha affrontato la stagione. Nessuna sorpresa per le parole, semmai per l’opportunità di ripeterle ora. Basta infatti rileggersi le dichiarazioni di metà luglio a Moena («Non mi aspetto nulla, allenerò chi avrò a disposizione») e le confessioni di metà agosto a Firenze («Ho imparato a essere realista, anche se conservo l’ambizione»). Probabilmente è stato un eccesso di coerenza, secondo quanto scrive La Nazione, con la sottolineatura di ieri che ha avuto un ulteriore e forse involontario effetto-Tavor.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Sousa è chiaramente deluso per la scadente serietà dimostrata da parte della società nei momenti importanti. Promesse non mantenute. Molto chiaro non serve un filosofo basta essere appunto realisti.

  2. Sousa come psicologo e motivatore mi sa che stenti parecchio..
    A me sta passando pure la voglia di veder le partite …soporifera…stile F1…
    Oggi se si perde vedremo se daranno la svegliata…

  3. La squadra è meglio dell’anno scorso. La smetta con le provocazioni e pensi a vincere a Bologna. In estate c’è stata una grande sottovalutazione di questo atteggiamento del mister. Me compreso, speravo che il tempo e il lavoro lo facessero reagire ma periodicamente ricasca in queste cose. E il mercato è stato buono quindi non ha motivi di insoddisfazione. La situazione l’ha creata anche lui.

  4. Dimettiti e falla finita
    non ti reggo più!!!

  5. È certo che come motiva lui la squadra non la motiva nessuno!! Mi fa specie la società che non l’ha ancora cacciato e sostituito con un VERO allenatore, traghettatore ( basterebbe anche reja )che porti la squadra avanti fino a fine stagione per poi ripartire con un altro ( per favore non pioli ) non per vincere, quello ormai sono anni che me lo sono tolto dal cervello ma che ci possa almeno far divertire.

  6. è L’UMORE CHE TRASMETTE ALLA SQUADRA DAL GENNAIO SCORSO E IN EFFETTI DAL 1 POSTO SI è PASSATI AD UNA MEDIA DA RETROCESSIONE O QUASI. E NON MI SI VENGA A DIRE CHE TUTTO è SUCCESSO PER IL MANCATO ARRIVO DI MANNAMA O DI UN ALTRO DIFENSORE.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*