Questo sito contribuisce alla audience di

Ecco il marchio di Pioli: la “sua” Fiorentina sintetizzata in una rete

Che non sarebbe stata una squadra fatta di possesso palla come le precedenti lo si sapeva ma finora la Fiorentina di Pioli non aveva assunto una sua vera fisionomia. Ci si attendeva comunque un gruppo in via di definizione e che potesse puntare sulla verticalità e su una maggior velocità dell’azione. Da squadra ibrida, ieri quella viola è sembrata invece molto simile a quanto Pioli ha sempre mostrato nelle sue avventure precedenti: in particolare l’azione del secondo gol ne è la sintesi. Una ripartenza bruciante, contro una squadra schierata a cinque in difesa e anche molto chiusa, in quattro passaggi: da Chiesa a Simeone, a Thereau e poi a Veretout, il centrocampista ideale per interpretare questo tipo di gioco, grazie ai suoi inserimenti. E ora che arriva il Napoli: un bel test, contro una squadra che di spazi ne potrebbe offrire anche di più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Spero che a Napoli faremo una bella partita. Anche a Roma con la Lazio, nelle settimana precedente, si parlava di sconfitta annunciata, anzi di goleada e non solo da parte di D’Amico e Orsi, poi sappiamo tutti come e’ andata a finire.Spero che a Napoli succeda la stessa cosa.

  2. Non possiamo paragonare una squadra come il Napoli al Sassuolo la prima lotta per il titolo l’altra per non retrocedere, chiarito questo si può, anzi perderemo al San Paolo ma eventualmente bisogna vedere in che modo, un che essere sconfitti con una goleada un’altra giocare una buona partita e magari perdere, premetto immediatamente che se con un po’ di fortuna ma giocando bene, strappassimo un pari sarebbe una grossissima iniezione di fiducia per la squadra che onestamente ha perso tanti punti in maniera rocambolesca.

  3. se non ci sono infortunati la squadra non è male.
    Metti un buon terzino sinistro e un centrocampista (badelj sta veramente giocando male…) e ce la possiamo giocare per il 6-7° posto…
    Laurini è un discreto terzino destro, ma se manca lui deve giocare gaspar… (che non sa difendere, ma come diavolo si fa a comprare uno del genere, allora tenevo Romulo!!!).
    manca thereau? deve giocare esseryc….
    manca chiesa c’è gil dias….
    manca veretout? Sanchez o cristoforo..
    manca biraghi (buon panchinaro) maxi olivera…

  4. Già con la Roma nel primo tempo la squadra ha mostrato un altro tipo di gioco, molto più divertente per me. Poi si sono accorti che così avrebbero perso ed hanno cambiato complice anche il gol su calcio d’angolo. La strada è quella giusta.

  5. Il problema è che il Napoli, a differenza del Sassuolo, è composto da un altro tipo di giocatori ( specie in attacco ) per cui se è vero che loro potrebbero lasciare spazi è anche vero che se glieli lascia la Fiorentina loro sono dolori.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*