“Ecco perché cedere Rossi non è una grande idea…”

Rossi Roma

Sul Corriere dello Sport-Stadio troviamo questa mattina un editoriale su Giuseppe Rossi, a firma Alberto Polverosi, dove all’interno del pezzo leggiamo perché non sia una grande idea cedere l’attaccante. Tutto si gioca tra tre soggetti. Per la Fiorentina darlo via vorrebbe dire perdere uno dei tre veri attaccanti di ruolo presenti in rosa, ed è impensabile dover affrontare uno spezzone di stagione, con campionato, Europa League e potenzialmente anche la Coppa Italia, con i soli Kalinic e Babacar. Vero che c’è il mercato davanti, ma è possibile trovare uno come o migliore di lui a gennaio?

Poi c’è il punto di vista del giocatore, che sì, è vero, ha bisogno di minuti da mettere sulle gambe. Ma trovargli una squadra (terzo soggetto protagonista della vicenda) che possa dargli spazio con continuità è un’impresa non da poco. Le formazioni di vertice sono al completo, quelle in fondo alla classifica hanno bisogno di gente che sia prontissima e che lotti per l’obiettivo salvezza. Forse qualche ‘intermedia’. Però dovrebbe trovare la forza di lottare per un posto da titolare.

Alla luce di queste ragioni, la conclusione di Polverosi è: “Oggi Sousa deve occuparsi di Rossi non prima della squadra. Faticherà a trovare spazio, ma tocca a lui provarci. E meglio a Firenze che altrove“.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. Rossi, tramite il suo amico/procuratore, ha chiesto di essere ceduto a gennaio perché vuole giocare all’ europeo. Spero che la società non cada nel tranello e lo faccia allenare tutti i giorni fino a quando il ragazzo dimostrerà di essere tornato quello di una volta. Oggi contro il Carpi ha l’ opportunità di farlo (dubito) e se non lo farà vuol dire che dovrà aspettare ancora molto.

  2. Non è una questione di idee. Rossi è praticamente un ex calciatore che non gioca da 2 anni e prende 3,5 milioni di euro lordi. Chi se lo prende? La Fiorentina dovrebbe darlo in prestito, pagarli per intero lo stipendio e dare anche un incentivo economico alla società che lo prende per farlo giocare. Rossi e Gomez sono stati, lo sono e lo saranno fino alla scadenza del contratto un disastro economico e tecnico da cui la Fiorentina per risollevarsi occorreranno anni.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*