Elsheshiny: “Quella volta che Salah si mise a piangere perché non aveva segnato. Mi toccò dargli due spicci per calmarlo”

La prima stagione del dopo Fiorentina per Mohamed Salah è stata caratterizzata da diversi gol segnati in campionato e anche un grave infortunio che lo sta tenendo fuori. Sull’ex viola emerge però una storia curiosa, raccontata dal suo ex allenatore Said Elsheshiny, che lo ha avuto con sé nelle giovanili dell’Almoqaulon Alarab: “Quando giocò la prima partita da ala sinistra contro l’Enpi – ha raccontato a La Gazzetta dello Sport – Salah alla fine, nonostante avessimo vinto, ebbe una crisi di pianto perché non aveva segnato…Per consolarlo gli detti un po’ di spicci. Da quel giorno segnò altri trenta gol in due stagioni…”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

9 commenti

  1. E’ da li che si vede subito il mercenario!!!!
    SFV
    ps. speriamo che quando rientra lo azzoppino per altri tre mesi!!!

  2. Grazie per la risposta.

  3. Io gli darei ben altro che due spicci…
    Spero che l’egiziano trovi tanti altri Lulic che gli s…. la gambetta!

  4. Pensavo lo avesse portato in pizzerie per dimostrargli come si prepara la base per una buona margherita.

  5. Salah chi? Cosa?

  6. Per Marco Roma . Non mi pare che Salah a Roma abbia fatto sfracelli, certamente il Salah delle prime partite in Viola non l’ha visto più nessuno. Gli avversari gli hanno preso le misure. Io non lo rimpiango , non mi pare un fenomeno. Meglio Gervigno

  7. Non importava specificarlo, che fosse una persona che guarda solo quello è follemente evidente. Ma la sentenza della FIFA? Non ne parlate più? Per quando è prevista? Dovrebbe essere dicembre? Giusto?
    Dovrebbe essere a fine mese. Redazione

  8. ragiona come una slot machine!
    però quell’infame! se lo avessimo avuto quest’qnno, saremmo stati devastanti!
    vai in **** và!

  9. Per la precisione era già attaccato ai soldi già da allora

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*