Era l’unico modo per mettere tutti d’accordo…

gomez3

gomez3

Prestito con obbligo di riscatto. Alla fine dovrebbe essere proprio questa la formula della cessione di Mario Gomez al Besiktas. Le cifre dell’operazione non cambiano rispetto a quanto avevano stabilito la Fiorentina e il club turco negli scorsi giorni (otto-nove milioni di euro circa), solo che il pagamento è posticipato rispetto a questa stagione. Perché si è arrivati a questa formula? Era l’unico modo per mettere d’accordo tutti e far andare il giocatore verso Oriente. Questione psicologica per Gomez (ha chiesto a lungo una cessione in prestito), importante questione economica per il Besiktas che è una società strana, sospesa da voglie di grandezza, però costretta a cedere il giocatore-simbolo, ovvero l’attaccante Demba Ba. Comunque la sostanza non cambia: l’era Gomez a Firenze è finita e con lui se ne va via anche un’illusione, quella che si era costruita quando tutti credevamo di avere in casa una delle più grandi coppie di attaccanti del calcio europeo (Gomez-Rossi per l’appunto).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 commenti

  1. …eh già..credevamo fosse amore invece era un calesse…

  2. Fra un anno visto il disastroso campionato turco il Besiktas troverà il modo di non riscattare il turista tedesco che se ne tornerà a Firenze a rubare gli ultimi 10 milioni di euro lordi del suo contratto.

  3. tutti credevamo ? io no!

  4. A questo punto il mercato della Fiorentina è comunque compromesso, indipendentemente dagli 8 mln dei Turchi. Di positivo c’è che finalmente giocheremo in 11.

  5. Jorgensina, non perdere l’aereo.
    Tra una settimana non avrai piu nulla da scrivere qui.
    Sarai fissa sul sito del Besiktas.
    Che Dio ci benedica, ci stiamo liberando dal pacco piu grande della storia viola.
    Cosi pacco che Dertycia sembra un campione.
    E con il pacco tedesco molte menti imprigionate finalmente hanno la possibilità di sbloccarsi.
    O forse come capitato a Gomez non si sbloccheranno mai perché sono ormai danneggiate fatalmente?
    Ah ah ah
    Via via via. Pulizia.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*