Esperienza insegna che quando dipende dal calciatore…

Salah Sampdoria

Sempre più nel mondo del calcio ci si discosta dall’illusione di vedere i calciatori prendere la via del cuore per seguire piuttosto quella del portafogli, una tendenza che magari poteva scandire il calcio vintage, quello degli anni ’70-’80 e che vedeva le cosiddette “bandiere” giurare fedeltà ai propri club. Giravano meno soldi e meno personaggi dalla dubbia moralità ma il calcio odierno è quello che è e per una società come la Fiorentina occorre reagire con le contromosse del caso, tra cui l’anticipazione dei movimenti sul mercato. Una dinamica che spesso viene ignorata, con il risultato di ritrovarsi trafelati a rincorrere situazioni ormai sfuggite irrimediabilmente di mano. Tutto ciò impone una certa dose di sfiducia nei confronti del caso Salah, se veramente la maggior parte della responsabilità sulla decisione dovesse dipendere proprio dal calciatore. I precedenti in tal senso non autorizzano a pensare positivo, visto quanto deciso dai vari Montolivo, Neto e Ljajic: parliamo di situazioni contrattuali del tutto diverse naturalmente e soprattutto di calciatori che erano di proprietà della Fiorentina ma resta il fatto che in tutti questi casi poi, la volontà del giocatore ha virato verso la direzione dei soldi e non dell’affetto dei tifosi, della riconoscenza o di tante altre storielle che ormai sanno molto di poesia e poco di realtà.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

14 commenti

  1. La srada da seguire è non si fanno prigionieri a meno che non si chiami Messi o Iniesta ecc..se vuol rimanere bene altrimenti avanti un’altro non riesco a capire perché doversi svenare per un giocatore che poi mira a qualcos’altro . Cosi verrebbero a mancare le motivazioni che in una realtà come la Fiore fanno la differenza.

  2. non so chi abbia dichiarato che si possa comprare a 18milioni senza il suo assenzo perché non è tanto ragionevole.

    Al massimo potrebbero mettersi d’accordo con lui per rivenderlo sdubito, ma una sua firma ci vuole

  3. Chi lavora in Acf Fiorentina sa benissimo che questa società non vincerà mai nulla e ti lascerà in pasto ai tifosi inviperiti quando le cose si mettono male.
    Finché ci sarà questa Proprietà sarà così.
    Ricordo quei due buffoni dei DV che entrarono negli spogliatoi a fare i complimenti… ma non li ricordo mai essere entrati dopo delle batoste.
    I due conigli se la svignano quando tira brutta aria (proprio come fanno da un mese dopo la carognata fatta a Montella).

  4. Salah si troverebbe come un giocatore in scadenza di contratto. Non si quali sarebbero lexsue motivazioni. Si rischia un altro caso cuadrado. Anche se si parla di pochi soldi aggiuntivi forse varrebbe la pena lasciar perdere . in fondo ha fatto solo tribuna in GB ha giocato bene le prime partite e poi e sparito fallendo gli appuntamenti decisi vi. Non pensò sia il NS futuro

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*