Questo sito contribuisce alla audience di

Esperienze da incubo

Zarate gol col Verona ma non basta per vincere. Foto: LF/Fiorentinanews.com

La Fiorentina e l’ultima squadra in classifica, un rapporto che ha creato qualche mal di pancia ai viola nel corso delle ultime stagioni. Campionato 2012/13, viola in lotta per la Champions. A gennaio arriva il Pescara al Franchi: gli abruzzesi ormai sembrano lanciatissimi verso la Serie B, però Perin, il portiere, imbrocca la partita della vita e i biancocelesti finiscono per imporsi 2-0. Passata quella partita, il Pescara ha rimediato una serie di sconfitte da record che hanno portato la squadra abruzzese dritta verso la retrocessione e i viola, al netto degli errori arbitrali a favore del Milan, hanno perso la qualificazione Champions proprio per quella inaspettata sconfitta.

Campionato scorso, rieccoci. La scena che si ripete, con il Verona al posto del Pescara. Anche i gialloblu si presentano a Firenze da ultimi e quasi senza speranze di salvarsi eppure…Finisce 1-1 con il gol del pari realizzato praticamente allo scadere dai veneti (Zarate aveva portato in vantaggio i suoi). Partita brutta della formazione di Sousa, l’ennesima di un girone di ritorno deficitario. Due esperienze simili dunque, da incubo per la Fiorentina, da ricordarsi però per evitare errori simili, di precisione in attacco e di sottovalutazione in generale, in vista del match di stasera contro il Crotone. Una formazione che, per il momento, ha dimostrato di essere di gran lunga la peggiore squadra del campionato. Ma il più grande errore è sempre lo stesso: mai sminuire i rivali e dimenticarsi di quella tanto cara motivazione che spesso fa la differenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Pochi cambi, acquisire il risultato e poi far riposare chi è più stanco, torno a ripetere : i gobbi quanti cambi fanno? eppure anche loro sono in tre competizioni!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*