Fantasia al potere

Bernardeschi numero dieci

La partita di questa sera tra Fiorentina e Napoli è piena di duelli individuali che saranno decisivi ai fini del risultato finale. Una delle sfide più interessanti è quella tra Federico Bernardeschi e Lorenzo Insigne, simboli a loro modo delle due squadre. Il numero dieci viola è IL futuro della Fiorentina e in questa stagione sta compiendo la maturazione definitiva: da brutto anatroccolo a cigno, da giovane emergente a pedina fondamentale dello scacchiere viola. Paulo Sousa ha dimostrato di credere fin da subito in lui e Bernardeschi, pur non partendo titolare nelle gerarchie del tecnico portoghese a inizio stagione, ha scalzato Blaszczykowski e si è preso la maglia da titolare per non mollarla più. Insigne invece aveva solo bisogno di qualcuno che credesse in lui: dopo le burrascose esperienza con Mazzarri prima e Benitez, è arrivato Maurizio Sarri che ha valorizzato il numero 24 fin da subito. Nelle prime partite da trequartista, poi con il passaggio al 4-3-3 da esterno sinistro con licenza di rientrare e calciare in porta con il destro, nettamente la specialità della casa. E lo score in campionato parla chiaro: in 25 partite Insigne ha timbrato il cartellino per 11 volte servendo anche 10 assist, quasi tutti per Higuain. Lo scugnizzo napoletano è esploso definitivamente in questa stagione e punta a strappare un pass per gli Europei, proprio come Bernardeschi. E in tal senso, complice la presenza di Conte in tribuna, la partita di questa sera sarà una sfida interessante tra due giocatori con lo stesso obiettivo. E chissà che il ct azzurro non decida di convocare tutti e due…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*