Questo sito contribuisce alla audience di

Fassone mette in guardia anche Kalinic: “L’anno prossimo cambieremo chi tra i nuovi arrivati non renderà nel miglior modo”

L’amministratore delegato del Milan Marco Fassone ha parlato al The Guardian anche a proposito del futuro dei nuovi arrivati in rossonero, tra cui ricordiamo c’è anche l’ex attaccante Nikola Kalinic in prestito dalla Fiorentina: “E’ stata una nostra decisione: avremmo potuto decidere di comprare 3 o 4 giocatori quest’anno e fare lo stesso l’anno prossimo, che avrebbe forse reso più semplice l’integrazione degli stessi nella squadra, ma con il ds Mirabelli abbiamo deciso di fare una grande rivoluzione quest’anno.Sappiamo che potrebbe volerci un anno circa per vedere integrati tutti i giocatori, ma in questo modo l’anno prossimo saremo nella posizione di cambiare magari due o tre giocatori che non renderanno nel miglior modo. E’ un rischio calcolato, secondo noi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Luca 63. In verità Fassone ha gli occhi da bovino. Bovino arricchito direi, forse. Sempre ammesso che abbiano i soldi per pagare. Essere immondo!

  2. Cioe’ in che senso cambiano chi non rende,tipo che so,se Tomovic non dovesse giocare bene lo cambierebbero? Ma un si po’ mica fare, qualcuno glielo dica,troppo facile sarebbe…

  3. Pensa a Pagarlo ( FESTER 2 ) al Milan ce la sagra del Brutto

  4. Fra diciotto mesi tirate fuori 330 milioni.
    Se fallissero mi dispiacerebbe (non vorrei crepare dalle risate), anche per Kalinic e i suoi certificati.

  5. Prima paga che fate la botta rumente

  6. Le società dal DNA vincente fanno questo tipo di discorso..
    Tanto più a professionisti ultra milionari…A Firenze paradossalmente sotto i DV mai sentito discorsi e occhi da tigre ?…Zero Titoli …perché DV?…Per lei siamo stati e siamo solo un hobby?..Come da lei in passato più volte in maniera eticamente disdicevole dichiarato..
    Firenze merita risposte

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*