Questo sito contribuisce alla audience di

Fatica a Pescara e a Roma: qual è la partita giusta per Babacar?

Un’insolita continuità per Khouma Babacar nelle ultime due uscite della Fiorentina: titolare a Pescara e titolare anche a Roma, sfruttando naturalmente i problemi fisici di Kalinic. In entrambe le occasioni però il senegalese ha fatto tanta fatica, così come ne aveva fatta a Verona con il Chievo, nonostante il gol su rigore; se in Abruzzo però Sousa l’aveva giustificato adducendo ai ridottissmi spazi la motivazione della sua prestazione, con i giallorossi non si può certo dire che la difesa avversaria fosse composta da undici uomini. Due contesti diversissimi dunque, agli antipodi, con una costante: l’impalpabilità del povero Babacar, che poi Sousa ha voluto difendere a spada tratta nel post partita. Quali sono la partita o il contesto giusto per l’attaccante classe ’93? E’ ancora un po’ un mistero, di certo c’è forse solo la sua maggior adattabilità a giocare in coppia, magari con lo stesso Kalinic, come accadeva a inizio stagione. In assenza del croato però la soluzione non è proponibile, mentre il gioco della Fiorentina resta lo stesso e Baba ne paga inevitabilmente le conseguenze.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

23 commenti

  1. Quando giocheremo strisciando lui troverà la giusta collocazione. È sempre in terra, non regge un contrasto sembra una signorina benché abbia un fisico da gladiatore. Certo esche se gioca al posto di Kalinic con lo stesso modulo lui non inciderà MAI.

  2. La partita giusta? In riva al mare sulla battigia prima di andare a cena. La sua presenza in campo è utile come una scarpa da allacciare in una corsa campestre. Da spedire a chi lo vuole tanto quello che può dare lo ha dimostrato più volte. Insieme a Ilici possono indoivinare una partita o un tiro ma di utilità alla squadra, zero. Di questi giocatoi la viola ne ha troppo (un altro è nonno Valero) e se sei una grande con ulk alissomo tasso tecnico uno e due scarsi in campo te li puoi anche pernettere. ma altrimenti di fanno fare crak. Ripartire da zero con altri giocatori giovni, di sacrificio e appassionati alla maglia e con altri principali. Questa, comer ha scritto qualcuno, è la peggiore propietà della nostra storia.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*