Federico Cristoforo a FN: “Firenze una bella scoperta per noi. Sebastian vuole vincere come a Siviglia”

sebastian-federico-cristoforo

Ancora in attesa di affermarsi a pieno titolo, Sebastian Cristoforo ha iniziato a far vedere qualche colpo interessante negli spezzoni concessogli da Sousa: compreso il bel gol del 3-0 firmato contro lo Slovan Liberec. Il centrocampista classe ’93 è ancora piuttosto giovane ma ha già una discreta carriera alle spalle, iniziata tra le fila del Penarol, per un periodo anche in compagnia del fratello Federico: portiere, classe ’89, oggi protagonista tra i pali del Deportivo Maldonado, in seconda divisione. E proprio a lui Fiorentinanews.com ha chiesto qualcosa in più del fratello Sebastian, alle prime uscite in maglia viola ma già affine al successo in Europa, grazie al Siviglia.

Come va l’adattamento di Sebastian a Firenze, tra città e tifosi?
“Molto bene direi, Sebastian si sta acclimatando bene a Firenze ed è felice. Il rapporto con i tifosi della Fiorentina è tranquillo, ovviamente devono ancora conoscersi reciprocamente”.

Conoscevate Firenze in famiglia, prima che tuo fratello venisse acquistato dalla Fiorentina?
“Non la conoscevamo a dir la verità e io non vedo l’ora di scoprirla quando verrò a trovare Sebastian a Firenze, a dicembre”.

Ti è capitato di vedere Sebastian all’opera in maglia viola?
“Sì, guardo le partite della Fiorentina, dato che ci gioca mio fratello, e quindi l’ho visto in tutte le occasioni in cui è sceso in campo”.

Che impressione ti sei fatto della Fiorentina?
“La Fiorentina non è una squadra sconosciuta, è sicuramente nel lotto dei club più importanti d’Italia e d’Europa”.

Paulo Sousa è il tecnico giusto per Sebastian?
“Beh, Sousa è sicuramente un allenatore dalle idee molto chiare, un elemento fondamentale per poter ottenere i risultati. Per cui direi di sì, è la persona giusta”.

Quali obiettivi ha Sebastian a Firenze?
“Il suo obiettivo è sempre lo stesso, quello di vincere il più possibile. E vuole farlo anche in maglia viola, dopo averlo fatto a Siviglia”.

Ci puoi descrivere Sebastian fuori dal campo, che tipo è?
“Mio fratello è sicuramente un ottimo professionista anche fuori dal campo, molto concentrato sul calcio e sul lavoro dunque. Per il resto è un ragazzo umile ma non vivendo con lui a Firenze non so cosa combini nel tempo libero, lo scoprirò presto comunque quando verrò a Firenze!”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. Si se vuol vincere ha scelto la società giusta..qui c’è tutto..società ambiziosa che investe..allenatore capace e che ha dato un bel gioco..giocatori che tutta Europa ci invidia..e poi idee e programmazione per andare sempre più in alto..

  2. Sousa faccia giocare chi ci crede. Basta mummie con la testa altrove.

  3. Franci@ non credo tu sia un pivello (67 ?) Anche se a Firenze si esagera , questa è la stupidità della gente e della vita. Capita anche di peggio , rifletti su cosa accadde all’arrivo di Gomez .

  4. Se vuole vincere ha fatto un errore macroscopico, i della valle hanno dimostrato ampiamente di essere dei perdenti nel calcio e che per loro va bene così.

  5. Ma come sono umurali i nostri “tifosi” della fiorentina……oppure è solo una questione di memoria corta? Quando la società annunciò l’ arrivo di Cristoforo i siti si riempirono di sberleffi sul suo cognome, derisioni e commenti poco lunsighieri sul giocatore, ovviamente accompagnati ad una lunga serie di insulti verso la società. Ora, dopo che ha fatto vedere qualche cosa in qualche spezzone di gara, tutti a dire che Badelj se ne può andare a quel paese tanto abbiamo Cristoforo.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*