Questo sito contribuisce alla audience di

Ferrara: “Quella di Sousa è pura arte concettuale contemporanea. Il gusto della provocazione visuale”

Benedetto Ferrara, su la Repubblica, disegna così il Sousa pensiero dopo la sconfitta della Fiorentina contro il Genoa: “Non chiedetevi perché Zarate e non Kalinic. O perché fuori sia Chiesa che Tello. E soprattutto non chiedetevi perché Milic gioca davanti e Vecino al posto di Ilicic dietro Zarate. No, perché la parola turn over non basta a spiegare. Questa è pura arte contemporanea concettuale. Il gusto della provocazione visuale, il tocco del creativo che va oltre la banalità dell’ovvio. Metti i giocatori fuori posizione, tieni fuori la punta più in forma e se va bene sarai un genio. In caso contrario sarai un artista troppo avanti per essere compreso dal mondo degli umani”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. Re leone

    Ci fai la cortesia di spiegarci in maniera sensata e dettagliata perchè fare i dispetti ai DV mettendo in campo modouli allucinanti dovrebbe giovare alla carriera di Sousa ? Restiamo in attesa come restiamo in attesa delle risposte alle varie obiezioni che ti ho posto ma alle quali non hai ancora fornito delucidazioni. Grazie.

  2. Stavolta Ferrara ha ragione. Sousa si è cercato una figura da ******, è coraggioso, da un certo punto di vista. Io mi auguro semplicemente che far riposare quei giocatori per qualche minuto in più possa renderlo nuovamente genio con Lazio e Napoli. Ma è un augurio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*