Questo sito contribuisce alla audience di

Ferrara: “Siamo passati dal pessimismo cosmico all’essere quasi contenti di una sconfitta a Torino. L’Atalanta ci dirà chi siamo”

Benedetto Ferrara, giornalista de la Repubblica, a Radio Fiesole parla così: “Siamo passati dal pessimismo cosmico all’essere quasi contenti di una Fiorentina che va a Torino e perde senza mai tirare in porta contro una Juventus che così dimessa io non l’avevo mai vista. Allegri ha preso sottogamba la Fiorentina. Con Pioli stiamo riscoprendo il vecchio calcio, quello precedente all’Olanda totale. A Torino contro la Juventus l’obiettivo di una Fiorentina così è quello di non farli tirare in porta. Questa squadra ha bisogno di qualcosa in più, forse credere più in se stessa anche se la Fiorentina non si può certo valutare dalla partita della Juventus. La partita contro l’Atalanta ci dirà chi siamo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. non esistono sconfitte di cui essere felici!!

  2. Stefano, tu attribuisci al mio scritto una volontà di critica è una eccessiva negativita’ che io assolutamente non ho e che forse non riesco a mostrare scrivendo.
    Sono entusiasta di Pioli e di molti nuovi giocatori ma non dell’operatore di Corvino e sono i fatti che me lo confermano.
    Puoi negare che ad oggi l’Empoli non ci abbia dato una fregatura con Saponara infortunato da illo tempore? E sulla sua stessa strada siamo con Laurini, buon giocatore, ma di una fragilita’ atletica più unica che rara, sempre infortunato con una muscolatura così delicata che se fara’ 10 partite in un anno sara’ grasso che cola! E poi secondo te la Fiorentina e’ quella Societa’ che ha in animo di riscattare per 20 milioni Gil Dias se si affermasse? Siamo seri, Corvino sa solo vendere bene e vende anche per molto meno dell’auspicato riscatto del portoghese fra due anni! E allora cosa si è comprato a fare? Io avrei comprato “5 calciatori buoni e certi” con quegli 80 milioni che ha sparso per il mondo visto che abbiamo una serie di giovani in Primavera bravissimi con il dovere/obbligo di supportare e lanciare.
    La mia è una critica reale e costruttiva poi se devo essere contento per il bene che voglio alla Viola lo saro’, ma che mi si neghi la possibilità’ di criticare un analfabeta borione e intrallazzone mi par troppo!
    Ah! Dimenticavo, ora a gennaio vengono altri due centravanti diciottenni per un paio di milioni e mezzo tanto per spendere e levare il posto a Gori……. come se l’affare Magancjic (2,6ml€) non ci fosse bastato. Se per voi tutti questi soldi rappresentano carta da cxxo, beati voi anzi si è’ risolto anche il problema della Proprieta’ Societaria: fatevi sotto e compratela!

  3. No, caro Ferrara. Siamo passati dal massacro mediatico alla consapevolezza che la squadra costruita non è affatto male, anzi. Ma questo, dopo il massacro mediatico, non si può dire vero? O meglio gente arrogante come te non può ammetterlo. La Juve non era dimessa, è merito nostro se ha giocato male. L’unica cosa con cui concordo in parte con te è sul discorso Atalanta: può rappresentare un vero test. Ma attenzione: a differenza nostra questa è una squadra che gioca a memoria da oltre un anno e che è consapevole della propria forza (vedi straordinaria vittoria in Europa). Sicuramente faremo bene ma se le cose non dovessero andare per il meglio evita insieme ai tuoi amichetti di tornare ad essere l’avvoltoio che conosciamo.

  4. Mau 46 se fallisci riparti da talmente indietro che a Firenze ci vorrebbero almeno dieci anni per tornare in serie A. Si compra troppo male e chi lo dice Tu, Ferrara o qualche altro scribbacchino fiorentino? Quello che vediamo è finalmente una squadra logica, impostata, che corre e con ancora da sviluppare un gioco di attacco, questo è vero. Ma la qualità di Chiesa, Gil Dias, Simeone e Thereu sono innegabili e quindi il futuro non è così grigio come qualcuno vuol fare intendere. Vediamo poi Saponara cosa potrà portare in più.
    Per inciso la viola non ha tirato come dice l’esperto, ma anche la juve ha fatto nello specchio un solo tiro.

  5. ci risiamo col calcio vintage; benedetto Benedetto mi spieghi perchè vai a fare l’opinionista in radio e tv, registri dei brutti siparietti per “la repubblica” e scrivi sempre con l’acido in bocca?intanto in fiorentina non entri,hanno preso antonio

  6. Chi siamo lo si sa già, caro Ferrara, ne abbiamo giocate di partite… magari tu non lo hai ancora capito, e ci sta. Ma che succede, quella con l’Atalanta è la sfida decisiva per il campionato? Che è una finalissima? E che ci giochiamo? Please, Ferrara, si sa chi è l’Atalanta e si sa chi siamo noi, più che altro è interessante cosa potrebbe diventare questa Fiorentina tra un paio d’anni, quella sì che è una bella questione. Non c’è ragione alcuna per essere pessimisti o ottimisti, basta essere realisti, e guardarsi le partite, su Ferrara, non è difficile. E’ che Ferrara o vive nel passato, strutto dalla nostalgia del nessun dove che si è perso per strada senza sapere esattamente come, o si lamenta del futuro, che è sempre prodigo di nebbiosa mediocrità, per lui. Il presente e la realtà proprio non le digerisce. Per fortuna molti non diggeriscono lui, indigesto lo è di sicuro.

  7. E’ inutile vender bene se poi si compra troppo e male!!!!! I risultati sportivi sono più importanti di quelli di bilancio anche se è possibile ottenere l’ottimo in tutti e due i campi. Perche’ Ferrara invece di perdersi in tanti discorsi non lo suggerisce a Corvino mettendolo di fronte a dati di fatto?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*