Questo sito contribuisce alla audience di

Ferrara: “Simeone ha notevoli margini di miglioramento a livello tecnico. Un ragazzo giovane può crescere solo giocando”

Benedetto Ferrara, giornalista de La Repubblica, ha scritto così sulla sezione di Firenze del quotidiano: “La Fiorentina cercava un centravanti giovane e lui era l’unico facile da prendere. Facile perché giocava nel Genoa, e lì basta pagare. Non poco, perché poco non costa quasi più niente in un calcio coi prezzi dopati. Simeone non è un fenomeno. Non ora, o non ancora. È però un centravanti che in campo butta tutto se stesso. Due gol in otto partite non sono molti, anche se corrispondono più o meno alla sua media personale da doppia cifra bassa, quei dieci, dodici gol che però sarebbe ora di oltrepassare un bel po’. Tecnicamente i margini di miglioramento sono notevoli, l’opportunismo del primo gol a Verona ha preceduto quella bella torsione aerea dell’altro gol nella stessa porta del Bentegodi. I gol fin ora li ha fatti Thereau, ma la vera novità è che il ragazzo argentino questa volta di occasioni ne ha avute eccome. La sfortuna e la mira un po’ sballata gli hanno negato una domenica perfetta, ma questi passi in avanti e il ritocco al sistema di gioco sicuramente lo hanno aiutato a sentirsi meno solo. Simeone fino a oggi è stato un intoccabile. Sempre titolare, ha avuto momenti felici e partite difficili. Ma un ragazzo giovane e volonteroso può crescere solo giocando, e dall’altra parte la Fiorentina non è uno squadrone ma una ipotetica buona squadra con pochi gioielli (uno, cioè, Chiesa) e tantissima buona volontà”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Ferrara dice che siamo una buona squadra? S’e’ svegliato il guitto…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*