Fiorentina alla ricerca di imprevedibilià: forse è il momento di Toledo?

Arrivato quest’estate come dal Vèlez con buone prospettive, il centrocampista argentino Hernan Toledo ha visto il campo di gioco con il binocolo. Finora non sembra aver convinto Sousa: troppa leggerezza, poca intensità, il portoghese vuole più concretezza ai suoi centrocampisti e in questa prima parte della stagione lo ha relegato spesso con la primavera di Guidi. Ma è possibile che il classe ’92 non possa davvero, anche soltanto provare, a dire la sua nel campionato nostrano. In questo momento delicato della squadra viola, dove mettere la palla in rete sembra sia diventata un impresa, è possibile che non possa avere la possibilità di mostrare quello che sa fare? Eppur in Argentina sembra aver già convinto tutti, tanto che il Velez (ancora proprietario del suo cartellino) sembra aver fissato il diritto di riscatto ai viola attorno ai 30 milioni. Durante questa settimana di sosta avrà la possibilità di essere sotto gli occhi del tecnico portoghese, viste anche le partenze di molti compagni per le proprie nazionali, e di conquistarsi almeno la possibilità di esordire nelle prossime partite.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. se a gennaio tutto va bene vendiamo badelj e kalinic così Milan e Napoli potranno sostituire montolivo e Milic mentre la viola potrà rimpinguare le esangui casse…quanto a toledo magari tra un annetto qualcosa ci farà vedere, magari proprio quando per riscattarlo dovremo cacciare 30 milioni…non abbiamo dei grandi dirigenti???

  2. Ma se gioca male(per non dire “non gioca”) neanche nella primavera.

  3. Toledo al momento fa fatica in Primavera…..

  4. Toledo x risolvere i problemi d attacco???ah!ah!a! 30 milioni?mA questi sono ‘mbriachi.forse volevano dire 3 milioni che sono già troppi

  5. toledo non è determinante neanche in primavera…

  6. HANNO IMPARATO LO SCHEMA DI SOUSA – dicono tutti così, ma credo che altro sia il problema, noi abbiamo fatto strisce ottime di risultati con Rossi al meglio, o con Joaquin italianizzato che rientrava e saltava l’uomo sempre, o con Pizarro che imbeccava Matias insieme a Valero……..troppo sottovalutate le cessioni di Pizarro e Joaquin, oltre a Rossi su cui tutti siamo daccordo purtroppo.
    Oggi Milic e’ buono ma come non incideva troppo Pasqual così fa lui piu’ o meno, dilà Tello per ora…….

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*