Questo sito contribuisce alla audience di

FIORENTINA BRILLANTE, CALCIATORI ESPRIMONO GIOIA DI LAVORARE. PROPRIETA’ DEVE TRASMETTERE SERENITA’. MISTERO SAPONARA E PEZZELLA…

La Fiorentina conquista i primi 3 punti della stagione contro l’Hellas Verona. Della varie tematiche viola, Fiorentinanews.com ha parlato con l’intermediario di mercato Bernardo Brovarone:

Roboante vittoria della Fiorentina a Verona. Bella prestazione ed una grande iniezione di fiducia…

Prima della partita pensavo di incontrare un Verona anch’esso affamato, tuttavia ci sono delle problematiche che renderanno i veneti una squadra bruciata in partenza. La società, a quanto mi risulta, sta per essere venduta, la situazione di Pazzini è un altro segnale, così come il rapporto tra Pecchia ed i tifosi. Una squadra deteriorata, mi aspettavo una partita diversa. E’ uscito fuori un quadro definito fin da subito, anche grazie all’atteggiamento della Fiorentina. Una Viola fortunata nel trovare il gol subito e che ha poi tenuto il campo in modo esemplare. Qualità, atteggiamento giusto, mi è piaciuta molto la squadra. Si possono far tutte le tare del mondo, ma se c’era bisogno di un segnale, c’è stato: ci sono dei motivi che l’allenatore è riuscito ad inculcare alla squadra. I ragazzi trasmettono gioia di lavorare. il gruppo sta prendendo corpo, e farlo in questo contesto societario, è davvero bello, molto apprezzabile. La prima parziale vittoria dell’allenatore, che deve dare gioia, ma è soltanto il primo step, un punto per iniziare la crescita. Ora inizia il percorso vero, mi auguro che si possano trovare le motivazioni per amalgamare il tutto. Chissà che non stia nascendo squadra molto più positiva di ciò che si potesse pensare? Non è il momento di decretare niente, ma di apprezzare quanto accaduto, senza stravolgere nessun quadro. La Fiorentina mi ha divertito, felice di averla vista brillante ed organizzata. E’ l’ennesima opportunità che la proprietà ha per chiarire tante situazioni che andrebbero a vantaggio della squadra, rendendola più serena, all’interno di un contesto che deve ritrovare continuità, quadratura, aspirazioni. Alla squadra va concesso di crescere serenamente.

Bruno Gaspar sulla destra alla prima da titolare ha regalato un altro assist. Come giudica finora il portoghese?

Bruno Gaspar è un giocatore che dentro un sistema di calcio italiano fa fatica. Che abbia fluidità di corsa, temperamento, buona qualità, si nota. Per me attualmente non è ne’ un terzino ne’ un esterno d’attacco. La sua collocazione è molto difficile in un contesto tattico. Dovrà imparare, crescere sotto l’aspetto difensivo, tattico. Da come si muove ha difficoltà ad approcciare la fase difensiva. Deve capire come migliorarsi, è giovane; tuttavia lo vedo un profilo simile ad altri già passati in viola. Col Bologna, con Verdi e Di Francesco che sono giocatori bravissimi, è chiaro che possa andare in grande difficoltà. Non ha metodo, ne’ fisicità, si adopera molto, ma lascia dietro a sé molti vuoti. Ad oggi non è affidabile; per questo lo metterei ancora di più alla prova, confermandolo ancora: è un giocatore clamorosamente ibrido. Laurini è molto più difensore, ragionato, bloccato, è un calciatore opposto come caratteristiche, sicuramente più avanti per il calcio italiano.

Saponara ed un rientro rimandato di continuo. Una situazione molto travagliata quella del centrocampista ex-Empoli…

Nessuno conosce veramente cosa stia succedendo, se non la Fiorentina. La squadra viola ha fatto e sta facendo salti mortali per tutelare un ragazzo che ha delle difficoltà. Emerge preoccupazione sul ragazzo, dalla cautela quando si parla del calciatore, dalle parole usate. Nell’arrivo di Benassi a Firenze, calciatore che è fuggito dal 4-2-3-1 per poi giocarci in maglia viola, dietro per me c’è anche un ragionamento collegato a Saponara. La Fiorentina poteva acquistare un esterno al posto di Bernardeschi, ha scelto invece Benassi. Un calciatore in grado di giocare dietro la prima punta in verticale; se Saponara avesse problemi c’è Benassi, altrimenti lo metto in mezzo al campo l’ex-Torino. Non conosco la situazione nei dettagli, è troppo poco chiara. Saponara è misteriosamente ai margini, una situazione davvero particolare. Aspetti che non emergono, non c’è mai stata una diagnosi precisa sui suoi problemi, sotto tutti gli aspetti.

La difesa viola può già contare su Pezzella. Vitor Hugo subito accantonato da Pioli. Il brasiliano potrà ritrovare spazio?

Da Pezzella mi aspetto di più rispetto a quanto visto in questi scorci. Va bene la classe, lo avrei preso da anni alla Fiorentina, ma qualche volta esagera. Un giocatore vero, che può ancora crescere molto. L’ho visto un po’ troppo autoritario, lo voglio vedere più sul pezzo, più tosto, più sicuro. Un po’ indeciso su alcuni disimpegni. L’ho visto troppo spagnoleggiante, lo voglio più argentino. Deve adattare la sua argentinità all’Italia. La Fiorentina rischia a Giugno, in caso di riscatto, di trovarsi richieste per 25/30 milioni per questo giocatore, se renderà su certi standard. Ha bisogno di uno stopper di grande aggressività, un Cannavaro, un Sergio Ramos. Se lo metti accanto a Koulibaly del Napoli, fai una coppia eccezionale. Quando avrà acquisito la necessaria concretezza, potrà iniziare a fare anche di più del normale. Ora deve essere affidabile in tutto e per tutto. Speravo fortissimamente potesse arrivare. Vitor Hugo ad oggi  invece l’allenatore non lo considera affidabile. Ha sofferto più di tutti, è stato pagato tanto, normale che possa avere delle problematiche. Con gli infortuni, le squalifiche, il lavoro del calciatore durante la settimana, potrà riavere spazio; abbiamo 3 centrali nuovi, stranieri, con caratteristiche diverse ma con una guida, quella di Astori che può insegnare tanto. Dovremo aspettare test diversi per dare valutazioni importanti. San Paolo, Olimpico, Juventus Stadium, lì si vedrà la vera qualità di questi calciatori. Si sta crescendo piano piano, il rodaggio ancora è totale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

13 commenti

  1. Perché mistero Saponara? Si deve riabilitare da un infortunio punto.

  2. PETRI? Penso non esista personaggio più dannoso e fazioso nei confronti della squadra e della società viola.
    BROVARONE? Ma cosa fa questo individuo sgrammaticato che si spaccia per qualcuno nel campo calcistico,mentre i suoi giudizi sono ridicoli. (Ma ti iricordi cosa diceva per esempio su LARRONDO??? AH,AH,HA..)

  3. Brovarone Ferrara Petri tra i pochi che dicono la pura verità sui giocatori allenatore societa e proprieta …..

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*