Fiorentina, fluidità da ritrovare. E poi c’è quel grosso problema…

Rugani Ilicic

Due gol in due partite, con Juventus e Chievo, entrambi su calcio piazzato, per essere ancora più precisi su due calci d’angolo, entrambi battuti dal sinistro di Josip Ilicic: così sono arrivate le prime reti della Fiorentina. Non che questo sia un male, anzi, visto che nella passata stagione le reti sui piazzati sono calate rispetto alle stagione precedenti, ma è fuori discussione che la Fiorentina stia palesando delle difficoltà a giungere a tu per tu col portiere e rendersi pericolosi in zona gol sia un grosso problema. Kalinic non viene servito con continuità ed in modo adeguato, le ali non sono in grado di pungere ed i centrocampisti viola in zona gol sono quasi del tutto assenti. La squadra viola manifesta problemi in costruzione e risulta quasi sempre troppo prevedibile, faticando anche in fase di ripartenza e contropiede. C’è da rimboccarsi le maniche e macinare gioco, il rientro di Zarate, il recupero fisico e mentale di Bernardeschi, Tello e magari anche Toledo possono essere armi importanti in grado di vivacizzare la manovra offensiva della squadra viola.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. Secondo me il 433 è più che fattibile. Anche a costo di mettere il tanto vituperato tomovic a fare il terzino destro. Il problema semmai, come dice giustamente Enrico tv, è il sacrificio di ilicic…e si sa, lui è il cocchino di Sousa.

  2. Enrico_tv,
    sono anche io un amante del 4-3-3.
    Però non abbiamo le risorse in difesa adatte per questo modulo.
    Avessero tenuto Savic, già si poteva pensare di fare 4-3-3.
    L’alternativa è un 3-4-3 che però con i giocatori che abbiamo darebbe peso offensivo ma ci farebbe subire anche diversi gol.
    Però viva lo spettacolo a quel punto.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*