Fiorentina, il gol è da annullare. Contatto Tomovic-Dzeko rigore? Parliamone…

badelj-totti

Una partita sicuramente controversa quella tra Fiorentina e Roma, che ha visto uscire dal campo una squadra, quella giallorossa, che si è molto lamentata dell’arbitraggio del signor Rizzoli. Due episodi in particolare hanno mandato su tutte le furie i capitolini. Sul gol di Badelj c’è poco da dire, la frittata possiamo rigirarla anche mille volte, sta di fatto che Kalinic è in piena traiettoria sul tiro del compagno di squadra e di nazionale, in posizione attiva e impedisce a Szczesny di tenere la posizione migliore per la parata. Ovviamente è un gol che prendiamo volentieri, ma se fosse successo a parti invertite ci saremmo molto arrabbiati per una decisione simile.

Contatto Dzeko-Tomovic rigore? Parliamone. Il contatto indubbiamente c’è e Dzeko riesce a prendere la posizione sul giocatore della Fiorentina. C’è da dire però che Tomovic segue solo ed esclusivamente la palla e va ad incocciare in maniera fortuita sull’avversario. Il regolamento lascia ancora una volta grande discrezionalità all’arbitro e fino a che sarà sempre così allora non c’è da meravigliarsi del fatto che Rizzoli lasci proseguire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

24 commenti

  1. Regola 11, comma 2. Un calciatore in posizione di fuorigioco nel momento in cui il pallone viene giocato o toccato da un suo compagno deve essere punito soltanto se viene coinvolto nel gioco attivo:
    • interferendo con il gioco, giocando o toccando il pallone passato o toccato da un compagno

    oppure
    • interferendo con un avversario:
    • impedendogli di giocare o di essere in grado di giocare il pallone, ostruendogli chiaramente la linea di visione, o contendendogli il pallone, o tentando chiaramente di giocare il pallone che gli è vicino quando questa azione impatta sull’avversario, o facendo un’evidente azione che chiaramente impatta sulla capacità dell’avversario di giocare il pallone

    oppure
    • traendo vantaggio (da tale posizione) interferendo con un avversario o giocando il pallone

    Cominciamo dall’inizio, per capire se Kalinic sia in posizione attiva o passiva. Prima di tutto non interferisce con il gioco, giocando o toccando il pallone. Non interferisce con un avversario perché non impedisce a nessuno di essi di giocare. L’unica notazione sulla quale si può discutere è quella che recita “ostruendogli chiaramente la linea di visione”, ammesso che si stabilisca che Kalinic ostruisca chiaramente la visione di Szczesny, il quale vede partire senza dubbio il pallone sul tiro di Badelj. E’ senza dubbio anche da escludere che Kalinic tragga vantaggio dalla sua posizione interferendo con un avversario o giocando il pallone.

    E se alla fine, a termini di regolamento, non fosse proprio fuorigioco?

  2. Ci risiamo con i doppioni?

  3. Non capisco quello che asserisce la redazione sul gol.Kalinic non copre la visuale al portiere anche se si trova sulla traiettoria del tiro;il portiere non ha parato non perche’ e’ stato disturbato da Kalinic,ma perche’ il tiro era angolatissimo e abbastanza forte.

  4. il foglionco di piano di mommio

    Erossi,visitina dall’oculista,le vecchie lenti sono da sostituire.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*