Fiorentina, quanto costano le scommesse di Corvino

Circa 10 milioni di euro dovrà spendere la Fiorentina per i riscatti obbligatori di Sanchez, Cristoro e Maxi Olivera, tre giocatori che non hanno fatto grandi cose in questa stagione, come sottolinea calciomercato.com. Le scommesse di Corvino, perse in questo campionato ma ancora meritevoli di una nuova possibilità (almeno secondo il direttore generale della Fiorentina) costeranno comunque una bella cifra ad una società che guarda sempre con molta attenzione ad ogni euro che viene speso. La speranza è che alla fine possa avere ragione Corvino e che le responsabilità siano principalmente di Sousa, altrimenti saranno stati 10 milioni spesi molto male.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. 16 milioni nella *****

  2. Io vedo gli acquisti della Sampdoria e non mi capacito…

  3. Dopo centinaia di supercazzolate sul parafulmine Sousa si comincia ad aprire gli occhi? Senza parlare delle offese ricevute da gonzalo borja e altri senatori che alla fine sono quelli che hanno dato una DIMENSIONE a questa squadra negli ultimi anni..penso che ognuno alla fine ha ciò che si merita..e la nostra amata viola non fa eccezione. Quando le cose vanno male non si spara a zero su chiunque giusto per sfogarsi ma si va al NOCCIOLO della questione..altrimenti si parla a vanvera. La rosa, al netto di 7-8 giocatori, attualmente è da dodicesimo posto..chi si aggrappa agli insulti verso questo o quello pur di non ammettere questa semplice evidenza o vuole male alla fiorentina oppure semplicemente non ci capisce una cippa di calcio.

  4. È evidente che il mercato estivo è stato un disastro.
    Di tutti i giocatori acquistati non ce n’è uno valido per una Fiorentina con un minimo di ambizione.
    Una cosa è certa : la Fiorentina ha bisogno di una completa ristrutturazione.
    Bisogna vedere se i DV hanno ancora voglia di credere in questa attività altrimenti ci aspettano altre annate misere come quella di questo anno…

  5. Le scommesse di Corvino sono sempre molto azzardate, se compri giocatori da 500 mila euro, la maggior parte delle volte ti vendono fuffa che devi solo mantenere.
    MAMMANA ha vent’anni costava 8/9 mil. I tuoi pidocchiosi capi non lo hanno preso perché costava troppo. Ieri sera ha fatto una gran partita, quanto può valere oggi?
    SERVONO INVESTIMENTI NON SCOMMESSE,
    Caprone torna a pascolare le pecore, e impara il tuo lavoro e l’italiano magari da PRADE’

  6. Oltre a quelli citati ci sono Diks e Dragowsky, altri 6 milioni€. Totale : almeno 16 milioni€ quasi buttati al vento. Ci si potevano comprare due discreti terzini oppure due giovani centrocampisti di prospettiva oppure un giovane centrale ed una punta…etc..E qui, nonostante io non sia assolutamente un fan dei DV, la colpa non è della Proprietà ma è tutta e ribadita di Corvino. Ma, nonostante tutto, c’è la colpa della Proprietà : quella di aver riportato Corvino a Firenze, di aver buttao fuori senza un grazie e senza una spiegazione a nessuno l’ottimo Macià e di aver allontanato Pradè che forse non era il non plus ultra dei DS, ma di sicuro meglio di Corvino.

  7. Se la prendono con Sousa e allora che dire di Corvino che oltre aver speso 10 ml per questi tre ci dimentichiamo di Dikds e Drago che fra tutti e due fanno 5 ml be se Sousa deve andare via non capisco perché dobbiamo tenere un DT che ha fallito .

  8. Condivido al 1000×1000 lo scritto di Drak. Aggiungo solo una cisa: Sanchez e Cristoforo……..tira baralla!…..un po’ di speranze si possono avere,ma Maxi Olivera non gio herebbe neppure nel Vernole anche con la raccomandqzione del Corvo Magno………ogni affare un guadagno!!!

  9. Da quando è entrato per la prima volta in casa fiorentina, ha azzeccato cinque sei giocatori, gli altri 50 , 60 sono state tutte soldi spesi male. la prima bufala è lui.

  10. Sousa lo ha scelto lui, non era obbligato a continuare con Sousa. Ma avrei fatto la stessa scelta a Giugno. I giocatori a basso prezzo a Sousa glieli ha forniti lui, ma dopo il Genoa a Dicembre era evidente cosa era diventata questa squadra. Sousa doveva andar via dopo il Genoa. Lì Corvino doveva cambiare, e salvare sè stesso e la stagione. Non lo ha fatto. Con il Borussia Sousa è definitivamente morto, e lì lui non poteva esimersi dal sostituirlo. Non lo ha fatto. Ora il morto vivente gli sta affossando definitivamente anche la mini-campagna acquisti oltre che la stagione. Corvino sotto pressione non è buono. O ha le spalle parate come accadeva in origine, al suo arrivo a Firenze, in cui c’era Don Diego a fare il padrone, o, lasciato al suo destino, rivela la sua natura di maresciallo servile e senza attributi. Ha bisogno del padrone, Corvino, forte coi deboli e debole coi forti. E così è la sua Fiorentina. Dimessa, senza attributi, senza picchi, piatta e triste come un maresciallo a fine carriera. Solo i fessi si affidano a un maresciallo a fine carriera e senza spalle parate per guidare un esercito, il risultato è inevitabilmente la mediocrità, se non la rovina.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*