Firenze contro Milano: in palio c’è l’Europa. Ma conviene davvero?

La corsa al sesto posto in campionato sta acquisendo sempre di più i connotati di una guerra che nessuno vuole vincere. Lazio e Atalanta sembrano ormai sicure almeno di una qualificazione diretta ai gironi di Europa League, poiché a cinque giornate dalla fine hanno un vantaggio considerevole sulle dirette inseguitrici. La banda di Gasperini è dietro ai biancocelesti di un punto e ha cinque punti di vantaggio sul Milan, sette sull’Inter e otto sulla Fiorentina.

Dopo aver speso un intero girone a rimontare i punti persi con De Boer, i nerazzurri sono calati fisicamente e mentalmente e le sconfitte di Crotone e Firenze, sommate al gol di Zapata nel derby, hanno minato i fragili equilibri acquisiti sotto la gestione Pioli. Il Milan invece, dopo un ottimo inizio di campionato culminato con la vittoria contro la Juventus, si sono stabilizzati nella zona Europa League, ma nelle ultime quattro partite hanno conquistato appena cinque punti, inciampando contro Pescara ed Empoli.

La Fiorentina da parte sua, vive ormai in questa stagione sulle montagne russe e la pirotecnica vittoria contro l’Inter ha riaperto una strada verso l’Europa League che solo sette giorni fa sembrava ormai definitivamente compromessa a causa della sconfitta contro l’Empoli. E invece i tifosi possono covare ancora qualche speranze di qualificazioni: dalle milanesi ormai è lecito aspettarsi tutto e il contrario di tutto, per cui la Fiorentina dovrà fare bottino pieno nelle prossime due partite per poi giocarsi tutto nei big match contro Lazio e Napoli.

E qui veniamo all’amletico dubbio che sta rimbalzando più o meno ovunque? Conviene davvero arrivare al sesto posto per giocare i preliminari di Europa League a fine luglio? Conviene anticipare l’inizio della preparazione con il rischio di arrivare a dicembre sulle gambe? La Fiorentina inoltre cambierà allenatore e in caso di raggiungimento del sesto posto, saranno veramente pochi i giorni di allenamento per il successore di Paulo Sousa: si tratta dei soliti interrogativi che si stanno ponendo Milan e soprattutto Inter, dato che anche i nerazzurri probabilmente cambieranno la guida tecnica.

Alla fine però, l’Europa è sempre l’Europa e gli stessi giocatori preferiscono iniziare prima la stagione ma giocare in una competizione europea, pur di secondo livello rispetto alla Champions. Firenze contro Milano, cinque giornate alla fine: in ballo c’è l’Europa League. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Andarci senza discussioni. Non scherziamo.

  2. Se non rafforzano la squadra, se non hanno un progetto, conviene andare a fare delle figure di merdia a giro per l’europa?

  3. Tifolamagliaviola

    Solo i perdenti possono farsi una domanda simile

  4. Prendiamo l’esempio del “Sassuolo” quest’anno:

    Un club privo di esperienza a livello Europeo.
    Una proprietà priva di esperienza a livello Europeo.
    Un allenatore privo di esperienza a livello Europeo (come Montella nel 2013 con noi).

    Una Rosa composta quasi esclusivamente da Italiani.
    Una Rosa in cui “soltanto” 3 calciatori hanno già avuto esperienza in Europa League (o Champions League)…PELUSO, ACERBI e CANNAVARO.
    Una Rosa composta per quasi 2/3 da giocatori provenienti dalla Serie B (Sensi, Mazzitelli, Ragusa, Politano, Falcinelli, Ricci, Trotta, ecc.) o dalla Primavera (Dell’Orco, Pellegrini, Lirola, ecc.).
    Ceduti due TITOLARISSIMI come SANSONE e VRSALJKO e rimpiazzati con RAGUSA e DELL’ORCO.
    Ebbero la sfortuna di perdere nel giro di pochi mesi altri due titolari per infortunio…BERARDI e DUNCAN!
    Poi nel corso dei mesi altri e altri ancora!

    Eppure hanno fatto un Campionato dignitoso, sono partiti a mille, sono scoppiati ovviamente ma ora si sono rialzati!

    Ecco questi hanno la SCUSA!

  5. La preparazione estiva è una scusa…

    La Roma quest’anno ha iniziato prima…
    Noi nel 2013 stessa cosa…
    Il MONACO ha fatto due preliminari di Champions League addirittura quest’anno (ovvero 4 partite a partire dal 25/07)…

    Conta avere i giocatori giusti per 3 competizioni, giocatori seri, motivati, forti e con esperienza!

    È chiaro che se ti presenti come quest’anno con i MILIC, MAXI OLIVERA, DE MAIO, CRISTOFORO, TOLEDO, SALCEDO, DIKS, ECC. non ha senso!!!
    Cioè ma questi sono giocatori per giocare Serie A ed Europa League???

    Prendiamo un MONREAL (Arsenal), DARMIAN (Manchester United), MUSACCHIO (Villareal), ecc.
    Vedi come ha senso!!!

    Ripeto serve un mercato all’altezza, poi può arrivare anche SEMPLICI in panchina, quello che vanno in campo sono i giocatori!

  6. Conviene o no vivere? Conviene o no partecipare al campionato di calcio di Serie A? Conviene o no tifare per i successi di una squadra di calcio? Conviene esistere? Secondo alcuni, no. Infatti alcuni tolgono il disturbo e la fanno finita. Io sono per la Vita.

  7. Sicuramente si. Domande che si fanno solo i perdenti!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*