FOTO: Anche in Nepal si festeggia il primato della Fiorentina

VIOLA CLUB KATHMANDU

In Nepal, nella valle di Kathmandu, si è anche trovato il tempo di seguire il calcio italiano e la Fiorentina in particolare, che proprio nella capitale, ha un “Viola Club” particolarissimo.
Un club fondato quasi dieci anni fa da Marco Banchelli e che ha l’onore di essere il “più alto del mondo”. Oltre a questo c’è da dire che nacque nel pieno della guerra civile tra rivoltosi maoisti e forze governative, una guerra che poi ha portato al passaggio dalla monarchia all’attuale repubblica, anche e soprattutto per un messaggio di Pace attraverso lo sport più popolare anche in queste terre dell’Himalaya: il calcio, appunto. Ed il motto del Viola Club Kathmandu fu infatti un generico ma fondamentale “Sport in Peace”.

Lo stesso Banchelli spiega: “Adesso, anche se non sappiamo quanto potrà durare questo primato, è stato indubbiamente un piccolo, grande piacere poter condividere con alcuni amici, tra cui il vice-presidente Rajan Shakya, il caro Jeetbhadur ed un paio di “miss”, questa piccola soddisfazione sportiva. Tra un impegno ed un incontro della mia “missione”. Una conferma di quanto il calcio e lo sport in genere abbia di per sé anche il grande valore di avvicinare genti e popoli e magari sentirsi anche uniti grazie ai colori di una bandiera”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA